Engineering: l’assemblea degli azionisti approva il bilancio di esercizio 2021

Engineering tra i membri fondatori del Centro Nazionale di Ricerca HPC, Big data e Quantum Computing di Bologna

L’Assemblea degli azionisti di Engineering Ingegneria Informatica Spa, il più grande Gruppo tecnologico italiano, tenutasi in data odierna, ha approvato il bilancio di esercizio relativo all’anno 2021, che conferma il ruolo dell’azienda come primo player italiano nella Digital Transformation.

Nel 2021 il Gruppo ha registrato un rafforzamento della crescita su praticamente tutti i segmenti di mercato in cui opera – rivolgendosi a clienti di medie e grandi dimensioni sia privati che pubblici – e un miglioramento della redditività. I risultati chiudono un importante decennio di consolidamento caratterizzato da un trend positivo costante e pongono le basi per la nuova fase di sviluppo, sia sul mercato domestico che internazionale.

Di seguito i principali indicatori di bilancio:

  • Il VALORE DELLA PRODUZIONE si attesta a €1.321 milioni, in crescita del 6,4% (di cui 5,7% di crescita organica) rispetto al 2020 e superiore a quella del mercato digitale per cui nel 2021 Anitec-Assinform stima nel 2021 una crescita del +5,5%;
  • l’EBITDA ADJUSTED è pari a €198,2 milioni, in aumento del 11,7% rispetto all’esercizio precedente e con una redditività sui ricavi netti che passa dal 14,6% del 2020 al 15,3% del 2021;
  • l’UTILE NETTO si attesta a circa €47,5 milioni, in linea con il trend positivo degli scorsi anni (al netto del 2020 che beneficiava di proventi straordinari e non comparabile).

Tra gli aspetti interessanti riflessi dalla positiva performance, figurano:

  • la crescita organica, omogenea e diffusa in tutte le principali aree in cui opera il Gruppo, ciascuna delle quali mantiene un’incidenza percentuale bilanciata rispetto al valore totale della produzione;
  • la conferma della capacità di governo del Gruppo delle più avanzate tecnologie abilitanti che ha consentito anche nel 2021 di sviluppare numerosi progetti nonché piattaforme proprietarie per lo sviluppo di ecosistemi, basati sull’applicazione di Big Data, IA, Cloud Computing, IoT, Cybersecurity, AR/VR, RPA;
  • il continuo e rilevante impegno del Gruppo nell’attività di Ricerca&Sviluppo, che lo vede coinvolto in prima linea, anche come capofila, in decine di progetti di ricerca europei, permettendo di sviluppare prima e in modo efficace soluzioni di mercato all’avanguardia, formando contestualmente e costantemente le proprie persone sulle ultime frontiere tecnologiche.
Leggi anche:  Fabio Storchi rilancia nuovo umanesimo industriale

L’Assemblea ha inoltre ratificato la nomina, deliberata dal CdA dello scorso 28 marzo, di Gaetano Miccichè come Presidente del Gruppo.

Maximo Ibarra, CEO di Engineering, commenta: “I dati di Gruppo approvati oggi confermano una solida performance in tutti i settori e in tutte le divisioni e consolidano il ruolo di Engineering come Digital Transformation Company strategica nella transizione digitale in atto in Italia. La nostra azienda si conferma una realtà straordinaria che cresce in misura maggiore del mercato ICT in Italia. Intendiamo continuare su questa strada puntando a nuovi investimenti e all’assunzione di tanti nuovi talenti. A tal proposito, confermiamo l’impegno a un piano di recruitment di 1000 nuovi collaboratori per favorire il salto di scala, anche internazionale, e migliorare costantemente il nostro offering per i clienti. Pur nelle incertezze che attraversano l’attuale fase economica, riteniamo che ci siano oggi tutte le condizioni per costruire opportunità di mercato, a partire da una nuova consapevolezza delle aziende – pubbliche e private – sulla necessità di trasformarsi e sul valore che il digitale genera, anche grazie all’impulso del PNRR”.