Facebook ha cercato di rovinare TikTok

Facebook ha cercato di rovinare TikTok

La campagna Targeted Victory è stata finanziata da Zuckerberg su tutto il territorio americano

La società madre di Facebook, Meta, ha pagato una delle più importanti società di consulenza repubblicane per condurre una campagna a livello nazionale per seminare sfiducia su uno dei principali concorrenti dell’azienda, TikTok. Lo dice un nuovo rapporto del Washington Post, secondo il quale, l’azienda di consulenza Targeted Victory, avrebbe pubblicato editoriali e lettere per “far passare il messaggio che mentre Meta è l’attuale sacco da boxe, TikTok è la vera minaccia, soprattutto in quanto app di proprietà straniera n. 1 nella condivisione dei dati utilizzati dai giovani adolescenti”.

La notizia della decisione di Facebook di assumere l’azienda arriva solo poche settimane dopo che la società ha dichiarato che stava perdendo utenti per la prima volta nei suoi 18 anni di storia. Il recente rapporto sugli utili di Meta ha affermato che gli iscritti attivi di Facebook sono diminuiti di quasi 500.000 alla fine dello scorso anno. Molti degli editoriali di Targeted Victory contenevano collegamenti a notizie negative su TikTok ed erano spesso firmati da influenti personaggi della comunità e politici, molti democratici.

Negli ultimi anni, Facebook è stato preso di mira dal Congresso con l’accusa di detenere un monopolio illegale nel settore dei social media. Targeted Victory è uno dei maggiori fornitori di campagne repubblicane. Nel 2020, l’azienda ha guadagnato oltre 230 milioni di dollari, con i suoi maggiori clienti che provenivano da gruppi come la America First Action, pro Trump. I repubblicani sono stati alcuni dei critici più aspri di TikTok. I legislatori come il senatore Marco Rubio (R-FL) hanno spinto affinché l’app fosse indagata per censura e l’ex presidente Donald Trump ha firmato un ordine esecutivo per vietarla a titolo definitivo. Alla fine, l’ordine non è stato accettato e il presidente Joe Biden l’ha revocato lo scorso anno.

Leggi anche:  Twitter potrebbe aggiungere un tasto podcast alle sue app