Costa Rica “in guerra” con il gruppo ransomware Conti

Costa Rica

Un attacco informatico aveva disabilitato i sistemi governativi per quasi un mese

Il ransomware, e in particolare la banda di ransomware Conti, è diventato una criticità geopolitica in Costa Rica. Lunedì scorso, il nuovo presidente costaricano Rodrigo Chaves ha dichiarato che il Paese è “in guerra” con la banda di criminali informatici, il cui attacco ransomware ha disabilitato le agenzie di tutto il governo da aprile. In una dichiarazione rilasciata alla stampa il 16 maggio, il presidente Chaves ha affermato che Conti sta ricevendo aiuto da collaboratori all’interno della Costa Rica e ha invitato gli alleati internazionali a intervenire. “Siamo in guerra e questa non è un’esagerazione”, ha detto Chaves ai media locali. “La guerra è contro un gruppo terroristico internazionale, che a quanto pare ha agenti in Costa Rica. Ci sono indicazioni molto chiare che le persone all’interno del Paese stiano collaborando con Conti”.

La dichiarazione di guerra del presidente Chaves contro Conti si scontra con la retorica insolitamente bellicosa del gruppo di ransomware, che ha dichiarato la sua intenzione di “rovesciare il governo per mezzo di un attacco informatico”. In un messaggio pubblicato sul sito web, il gruppo ha esortato i cittadini del Costa Rica a fare pressione sul loro governo affinché paghi il riscatto, che è stato raddoppiato da 10 milioni di dollari iniziali a 20 milioni di dollari. Nel periodo dell’attacco, il governo degli Stati Uniti ha offerto una taglia fino a 10 milioni di dollari per chiunque offra informazioni che potrebbero identificare o individuare i principali coordinatori delle operazioni del gruppo Conti, o 5 milioni di dollari per elementi che portino all’arresto di qualsiasi membro di Conti.

Leggi anche:  Allarme ransomware, l’evoluzione delle tecniche di attacco