Applicazioni SAP, il cloud journey senza intoppi

Applicazioni SAP, il cloud journey senza intoppi
Roberto Patano, senior manager solution engineering di NetApp

Flessibilità, scalabilità, controllo dei costi, performance e sicurezza. NetApp e Accenture mostrano alle aziende come migrare verso il cloud e gestire con successo in modo alternativo gli ambienti SAP all’interno dell’Accenture Cloud Innovation Center di Roma

Per NetApp avere un approccio channel oriented significa collaborare con realtà di mercato e system integrator in grado di fornire una soluzione in modo efficace, al fine di rispondere alle necessità del cliente finale. Negli ultimi anni, la collaborazione con Accenture, di lunga data e di livello internazionale, ha assunto una rilevanza strategica, anche in Italia, nel posizionamento di soluzioni cloud oriented. NetApp è parte attiva nell’Accenture Cloud Innovation Center dove è possibile sperimentare use case specifici da presentare ai potenziali clienti – come spiega Roberto Patano, senior manager solution engineering di NetApp. «Per le aziende, è importante capire che cosa significhi in concreto far evolvere la propria infrastruttura, prendendo in considerazione il cloud. Le imprese sono più propense al cambiamento quando possono testare prima quello che potrebbe succedere, vogliono cioè vedere dal vivo tutte le criticità. Soprattutto, quando si parla di ambienti SAP, dove si poggia il core business di un’azienda o di quantità di dati cospicue da movimentare. Le soluzioni cloud devono essere performanti, flessibili e sicure».

Nonostante le criticità legate al primo approccio, il cloud rappresenta uno strumento potente a disposizione delle organizzazioni per gestire e accelerare il cambiamento. «Innovazione applicata alle modalità di sviluppo e gestione ma anche alla base di nuovi servizi di business» – sottolinea Leonardo Vomero, responsabile dell’Accenture Cloud Innovation Center di Roma. «Gli hyperscaler offrono ormai un’ampia gamma di servizi cloud anche attraverso la collaborazione con i più importanti partner tecnologici, garantendo performance, affidabilità e sicurezza anche in scenari business critical». Un esempio è proprio la soluzione Azure NetApp Files, nata dalla collaborazione tra Microsoft Azure e NetApp per agevolare l’utilizzo di applicazioni critiche in cloud. «Da sempre, l’infrastruttura NetApp si integra in maniera profonda con la soluzione SAP, garantendo non solo la protezione del dato, ma dell’intero ambiente di produzione. E oggi, grazie anche alla partnership con gli hyperscaler e l’expertise di Accenture, è possibile soddisfare in maniera ancora più puntuale le esigenze del cliente, ottimizzando risorse e consumi in ottica di sostenibilità» – evidenzia Patano.

Le migliori tecnologie cloud

In questo contesto, nonostante le aziende siano consapevoli delle opportunità legate all’adozione del cloud, molte iniziative faticano ancora a decollare. Accenture, facendo leva su know-how ed ecosistema di partner tecnologici, aiuta i propri clienti in questo percorso, identificando il valore che il cloud può dare al business e, soprattutto, proponendo le migliori tecnologie in grado di rispondere alle loro esigenze. «NetApp è diventata un importante alleato nel nostro Cloud Innovation Center con l’obiettivo di realizzare soluzioni integrate in grado di supportare il processo di trasformazione verso il cloud anche per applicazioni critiche» – spiega Vomero. «La partnership è nata proprio con l’obiettivo di mostrare ai nostri clienti un modo alternativo di gestire gli ambienti SAP, accelerando e semplificando le strategie di migrazione verso il cloud, e al tempo stesso evidenziando i vantaggi derivanti da questa trasformazione».

Leggi anche:  Google, una nuova app per passare da iOS ad Android

Il polo tecnologico che crea valore

Il Cloud Innovation Center combina l’esperienza tecnica e di settore di Accenture, nell’aiutare le aziende a trasformare le loro modalità̀ operative grazie al cloud, con un solido ecosistema di partner tecnologici. «Le capability presenti nel nostro centro, che è stato realizzato anche grazie alla collaborazione con i primari player dell’ecosistema cloud, mirano a indirizzare le sfide reali dei nostri clienti nei diversi settori di mercato» – spiega Vomero. «Il Cloud Innovation Center consente di “toccare con mano” soluzioni integrate e costruite su tecnologie innovative che rispondono a casi reali, accedendo a un catalogo di soluzioni pronte all’uso. È un luogo a disposizione dei clienti per pensare, disegnare e realizzare soluzioni prototipali personalizzate, ma dove è anche possibile trovare esperti di mercato, specialisti di tecnologia e partner tecnologici con i quali realizzare sessioni di Design Thinking, discutendo attorno a un tavolo delle soluzioni che meglio si adattano alle specifiche esigenze».

Leonardo Vomero, responsabile dell’Accenture Cloud Innovation Center di Roma

Gli use case firmati NetApp

Nel Cloud Innovation Center di Accenture è possibile sperimentare soluzioni cloud su misura, senza limiti. Un valido esempio è rappresentato da due casi d’uso basati su tecnologie e servizi NetApp on-premise e in cloud. Nel primo, sono stati approntati ambienti e best practice per mostrare come è possibile semplificare e automatizzare la migrazione parziale di ambienti SAP nel cloud. Con NetApp, è infatti possibile utilizzare un cloud ibrido in grado di unificare l’infrastruttura e liberare i dati per renderli accessibili ovunque servano. Nello specifico viene mostrato come sia semplice implementare ambienti di test e sviluppo sul cloud utilizzando una soluzione Flash NetApp on-premise e la soluzione NetApp Cloud Volumes ONTAP (CVO) su AWS. I dati vengono replicati nel cloud in modalità sicura con la soluzione nativa SnapMirror e sono immediatamente disponibili e utilizzabili mantenendo protezione e controllo imprescindibili a livello Enterprise.

Leggi anche:  Kyndryl espande la strategia tecnologica e i servizi di integrazione per abilitare la trasformazione digitale dei clienti

Il secondo use case invece è interamente pensato cloud native e tutta l’infrastruttura SAP risiede all’interno dell’hyperscaler. In questo caso, è stata scelta la soluzione Azure NetApp FIles (ANF), certificata per SAP HANA e in grado di garantire il livello di performance, latenza e affidabilità necessari per questi ambienti. È così possibile mostrare come gestire intere istanze SAP nel cloud mantenendo prestazioni, flessibilità, protezione e affidabilità tipiche degli ambienti certificati SAP on-premise.

Una collaborazione fruttuosa

«Collaboriamo con un esteso ecosistema di partner tecnologici» – dichiara Vomero. «Dai grandi cloud provider ai technology vendor più importanti fino alle startup pioniere di nuove tecnologie. Grazie alla collaborazione con partner come NetApp e Microsoft, nel Cloud Innovation Center di Roma abbiamo la possibilità di mostrare come possiamo supportare i nostri clienti nel proprio journey-to-cloud anche per applicazioni critiche, come nel caso di SAP, con una soluzione in grado di ridurre le distanze tra cloud pubblico e privato. E lo facciamo supportando tutte le fasi del processo: dalla migrazione in cloud, gestita attraverso l’integrazione di soluzioni hardware e software di NetApp con strumenti di automation utili a semplificare e ottimizzare le varie fasi del processo di trasformazione, alla gestione degli ambienti in cloud, facendo leva sulle feature offerte dalla tecnologia cloud di Microsoft Azure e NetApp per abilitare servizi innovativi e di supporto anche allo sviluppo di nuove soluzioni di business». Sono soluzioni che consentono di rispondere ad alcune delle principali esigenze delle aziende che si stanno muovendo nel cloud come, per esempio, la riduzione dei costi, l’aumento della flessibilità, l’abilitazione di un modello di implementazione Agile e l’utilizzo di modelli di consumo as a Service.