I vincitori delle Olimpiadi Italiane di Informatica si aggiudicano un percorso formativo presso Huawei

I vincitori delle Olimpiadi Italiane di Informatica si aggiudicano un percorso formativo presso Huawei
I ragazzi premiati insieme a Luigi Laura Presidente del Comitato Olimpico e Anna Brancaccio del Ministero dell'Istruzione e Vicepresidente del Comitato Olimpico

Le borse di studio permetteranno agli olimpionici di intraprendere uno stage formativo presso la sede Huawei di Zurigo

Si è svolta lo scorso venerdì 17 a Roma la cerimonia di consegna delle borse di studio offerte dalla Banca d’Italia ai cinque campioni delle Olimpiadi Italiane di Informatica, svoltesi online nel 2021. Con questi riconoscimenti, i giovani atleti saranno ospitati presso il centro di ricerca Huawei Technologies, dove svolgeranno uno stage dall’11 al 22 luglio.

Laura Acinapura, Francesco Cerroni, Carlo Collodel, Lorenzo Ferrari e Valerio Stancanelli guidati dal Dott. Edoardo Morassutto avranno l’opportunità, per la prima volta, di impiegare le proprie competenze e abilità informatiche in una delle realtà più all’avanguardia nel mondo della tecnologia.

L’esperienza formativa, della durata di due settimane, è uno dei premi che gli studenti hanno conquistato piazzandosi ai primi posti alle Olimpiadi Italiane di Informatica nell’edizione 2021/2021.

La consegna delle borse di studio, messe a disposizione dalla Banca d’Italia per sostenere questa esperienza formativa, è ormai una consuetudine nell’ambito delle Olimpiadi Italiane di Informatica promosse dal Ministero dell’Istruzione e da AICA e organizzate con la collaborazione dell’ITE Tosi di Busto Arsizio.

Alla cerimonia hanno partecipato anche gli atleti degli anni 2018/2019 e 2019/2020, ospiti di questo momento, finalmente di nuovo in presenza: Tommaso Dossi, Tommaso Lunghi, Francesco Lugli, Lorenzo Massi, Armando Pellegrini, Taulant Arapi, Davide Bartoli, Roland Bernard, Filippo Casarin, Davide Mor.  

«La formazione passa anche da iniziative come le Olimpiadi di Informatica che non solo stimolano i ragazzi ad approfondire aspetti logico-matematici ma permettono loro di sviluppare competenze utilizzabili anche nel mondo del lavoro. Il premio che questi olimpionici ricevono rappresenta proprio il risultato di tutti questi sforzi e apre una finestra su un possibile futuro, dove una passione si può trasformare in una vera e propria professione», ha dichiarato Luigi Laura, Presidente del Comitato per le Olimpiadi Italiane di Informatica.

Leggi anche:  Nuova nomina in Bitdefender

«Siamo molto contenti di poter concorrere alla valorizzazione delle giovani eccellenze dell’informatica e premiare i vincitori delle Olimpiadi Italiane di Informatica con uno stage nei nostri Centri di Ricerca. L’Italia, oggi più che mai, ha bisogno di giovani talenti che nutrano passione e forte interesse per le materie STEM e che possano eccellere in un ambiente accademico e industriale sempre più competitivo. Per Huawei è molto importante incoraggiare percorsi formativi in questi ambiti e rendere consapevoli studenti e studentesse delle numerose opportunità di carriera che potrebbero perseguire dopo gli studi, ad esempio nel settore ICT» ha dichiarato Renato Lombardi, Presidente Huawei Italy Research Center.