Elon Musk vuole mettere in attesa Twitter fino a febbraio 2023

Twitter etichetterà i post limitati per violazione delle policy

Oggi la decisione sulla data dell’appello

Il team legale di Elon Musk ha risposto alla causa di Twitter contro il magnate, affermando che la società chiede un processo irragionevolmente veloce. In risposta, gli avvocati chiedono che il caso non venga ascoltato fino al prossimo anno, come riportato in precedenza da Bloomberg . Twitter ha spinto affinché il processo dovuto per un accordo da 44 miliardi di dollari non concluso da Musk, si tenesse a metà settembre, giustificando la richiesta di accelerare le cose dato che l’accordo aveva una “presunta data di scadenza” per il 24 ottobre. Tuttavia, il team chiede che il processo non si tenga prima del 13 febbraio 2023. 

L’affermazione principale di Musk per voler porre fine alla fusione è che Twitter non gli ha fornito i dati per “fare una valutazione indipendente della prevalenza di account falsi o spam sulla piattaforma”. Il team ha nuovamente invocato il problema dei bot, sottolineando che “la disputa principale sugli account falsi e spam è fondamentale per il valore di Twitter. È anche estremamente intensivo nella ricerca, il che richiede molto tempo”. Secondo Bloomberg e Reuters, ci sarà un’udienza di 90 minuti oggi per decidere quando si svolgerà il processo.

Il punto è che a differenza di alcuni stati, dove possono essere necessari anche diversi anni per portare un caso in giudizio, la sezione della Delaware Chancery Court si muove più rapidamente. I giudici dello stato sono conosciuti per l’analisi rapida e approfondita di complesse controversie di fusione e acquisizione, che di norma vengono portate in udienza entro sei o sette mesi dal deposito dell’atto di citazione.

Leggi anche:  L’UE, una nuova legge sulla libertà di stampa mette a rischio la privacy