Amazon, Microsoft e Meta si uniscono per ridurre le emissioni di Co2

Amazon, Microsoft e Meta si uniscono per ridurre le emissioni di Co2

Collaborazione con il Carbon Trust per consumare meno energia

Diverse delle più grandi aziende tecnologiche del mondo, tra cui Amazon, Microsoft e Meta, hanno collaborato con il Carbon Trust nel tentativo di decarbonizzare i dispositivi connessi a internet come telefoni, speaker e laptop. Un gruppo di giganti della tecnologia, che comprende anche Samsung e Sky, ha istituito un segretariato guidato dal Carbon Trust per sviluppare una nuova specifica per misurare, tenere conto e decarbonizzare le emissioni associate ai dispositivi connessi a internet quando vengono utilizzati dai clienti.

I dispositivi connessi hanno consumato collettivamente 500 TWh di energia nel 2020, equivalente al consumo annuo di elettricità della Francia, secondo i dati del report “Dispositivi elettronici e reti”. Con l’aumento del numero di questi dispositivi in ​​tutto il mondo, la spinta alla domanda di dati digitali, la riduzione del consumo di energia e delle emissioni di gas serra associate è diventata un obiettivo chiave per il settore tecnologico, ha affermato il Carbon Trust.

I dati del Carbon Trust e della Global e-Sustainability Initiative mostrano che la “fase di utilizzo” di un dispositivo, il tempo in cui viene utilizzato da un consumatore, rappresenta fino all’85% dell’impronta di carbonio totale del suo ciclo di vita. Molti di questi device possono segnalare il consumo di energia da remoto, che secondo il Carbon Trust ha il potenziale per migliorare “significativamente” l’accuratezza delle stime del consumo di energia. L’impegno congiunto dei giganti della tecnologia oggi sottolinea il desiderio del settore di comprendere meglio e rendere conto di queste emissioni in modo standardizzato.

Leggi anche:  Adesso Twitter ha un problema con le comunità LGBTQ