Hybrid cloud, come costruire ambienti ottimali e sicuri?

Hybrid cloud, come costruire ambienti ottimali e sicuri?

Il percorso corretto, dalla strategia alla gestione, secondo Gruppo Project

A cura di Emilio Mazzucconi, Presales Director di Gruppo Project

Il cloud oggi si conferma un elemento essenziale per ogni strategia digital-first, perché permette di automatizzare i processi, arricchire le esperienze utente e aumentare la sicurezza.

Gli ecosistemi cloud, soprattutto nella declinazione ibrida e multi-vendor, richiedono però un utilizzo ragionato e consapevole. L’acquisto di soluzioni as-a-service non è sufficiente per raggiungere gli obiettivi attesi, è necessario un piano lungimirante per migrare, integrare e gestire le risorse.

Come accade per qualsiasi progetto, anche il viaggio nel cloud deve iniziare da un’attenta analisi dei sistemi IT già implementati, così da individuare le aree di miglioramento e definire una chiara roadmap per l’implementazione di ulteriori tecnologie e soluzioni. Ogni workload obbliga a una precisa valutazione per capire quali applicativi e sistemi sono pronti per il cloud e quali invece è meglio siano gestiti in modalità classica.

Per questo, l’ideale sarebbe optare per un modello ibrido e multi-cloud, con un approccio graduale. Una volta implementato il miglior ecosistema cloud per la propria organizzazione è poi prioritario garantire il controllo e la sicurezza, attività che potrebbe risultare complicata in ambienti IT eterogenei, distribuiti e senza perimetro. Le minacce informatiche stanno aumentando. Gli attacchi ransomware, che cifrano i dati sui computer infetti e chiedono un riscatto per il ripristino, sono sempre più diffusi. Crescono anche i casi relativi alla fuoriuscita di dati, spesso informazioni sensibili che riguardano il core business aziendale o i clienti stessi dell’azienda attaccata. Poiché la produttività aziendale dipende fortemente dalla continuità dei servizi IT, prevenire gli incidenti è un imperativo per qualsiasi business.

Leggi anche:  Le aziende italiane sono avanti nella migrazione al cloud

Gruppo Project ha a portafoglio le migliori tecnologie e ha a disposizione il know-how ideale per affrontare progetti di questo tipo, grazie anche alla qualifica di Platinum Partner di Hpe che permette di accedere a tutta una serie di strumenti tecnologici che supportano il cloud journey.

Ad esempio, la soluzione CloudPhysics permette di monitorare continuamente gli ambienti IT e individuare azioni di miglioramento, con la possibilità di simulare eventuali scenari di migrazione, mentre il modello cloud like di Hewlett Packard Enterprise, chiamato Greenlake, consente di sfruttare i vantaggi del cloud (self-service, pay-per-use, scalabilità verticale e gestione delegata) per dati, applicazioni e VM ovunque si trovino, ad esempio in datacenter o in co-location.

In campo security, Gruppo Project offre un servizio di SOC (Security Operation Center) che permette di anticipare eventuali minacce attraverso il monitoraggio 24/7 delle infrastrutture IT aziendali. Inoltre, in ottica preventiva, è possibile effettuare vulnerability assessment e penetration test per verificare, nonché migliorare la postura di sicurezza di un’azienda. In caso di attacco, infine, un Hardened backup infrastructure è la leva vincente per contenere i danni, garantendo la ripresa tempestiva delle attività. I servizi di remote backup e disaster recovery permettono di copiare e archiviare i dati su infrastrutture geograficamente distanti dal sito attaccato e garantiscono il ripristino rapido anche in caso di incidenti molto gravi.