L’UE conferma le indagini sulle pratiche di TikTok

L'UE conferma le indagini sulle pratiche di TikTok

Le autorità di regolamentazione stanno esaminando i trasferimenti di dati in Cina e gli annunci mirati ai minori

Il presidente della Commissione europea ha confermato che sono in corso molteplici indagini su TikTok. Queste riguardano il trasferimento in Cina di dati di cittadini comunitari e pubblicità mirate rivolte ai minori. Gli investigatori stanno cercando di capire se TikTok soddisfi i requisiti del Regolamento generale sulla protezione dei dati europeo, il Gdpr. “Le pratiche sui dati di TikTok, anche per quanto riguarda i trasferimenti internazionali delle informazioni, sono oggetto di numerosi procedimenti in corso”, ha scritto Ursula von der Leyden in una lettera condivisa dal commissario federale per le comunicazioni Brendan Carr. “Ciò include un’indagine della Commissione per la protezione dei dati irlandese sulla conformità di TikTok a diversi requisiti del Gdpr, anche per quanto riguarda i trasferimenti di dati in Cina e il trattamento dei dati dei minori, e il contenzioso dinanzi ai tribunali olandesi”.

Von der Leyden ha risposto alle preoccupazioni sollevate dai membri del Parlamento europeo in merito al potenziale accesso delle autorità pubbliche cinesi ai dati TikTok dei cittadini dell’UE, a seguito di un rapporto di BuzzFeed News. Le pratiche relative ai dati dell’app sono state sotto i riflettori dell’UE per un po’ di tempo. All’inizio di quest’anno, TikTok ha accettato di applicare determinate politiche in materia di pubblicità e contenuti a seguito di un reclamo che la accusava di violare le norme sui consumatori dell’UE. Il mese scorso, l’azienda ha smentito le notizie secondo cui i lavoratori con sede in Cina per la sua società madre ByteDance avevano pianificato di tracciare la posizione di alcuni cittadini statunitensi attraverso l’app.

Leggi anche:  TikTok cambia le norme di accesso ai live stream

TikTok ha spostato i dati che detiene sugli utenti statunitensi nei data center Oracle, nel tentativo di placare i funzionari preoccupati potenziali usi dei contenuti contro i cittadini americani. Ad agosto, è emerso che Oracle stava rivedendo i sistemi e gli algoritmi di moderazione dei contenuti di TikTok per assicurarsi che non fossero soggetti a interferenze cinesi. Carr, l’alto commissario repubblicano della FCC, ha dichiarato questo mese che TikTok dovrebbe essere bandito negli Stati Uniti. In precedenza aveva esortato Apple e Google a rimuovere la piattaforma dai loro store.