Usabilità e mobile: cos’è e perché è necessaria

Usabilità e mobile: cos'è e perché è necessaria

Per posizionarsi meglio online serve un sito ottimizzato per il mobile, ecco come

Negli ultimi anni, quando si parla di siti web, ci sono delle trending words che svettano sulle altre. Tra queste, “usabilità” dei dispositivi mobili, “user experience (UX)” e “user interface”, peraltro termini comuni anche quando si parla di app. Un sito mobile-friendly ricopre sempre più importanza per i progetti web di successo ed è più che mai imprescindibile. Il motivo? Tre secondi è il tempo che un navigatore medio passa su un portale. Bisogna quindi cambiare approccio rispetto al passato e ottimizzare l’esperienza dei visitatori da piattaforma mobile. Se è oramai un dato di fatto che i siti mobile-friendly godano di posizioni più elevate nei risultati di ricerca, da marzo del 2021 Google ha contestualizzato meglio tale necessità. Nelle sue pagine guida, il colosso del web scrive: “I siti ottimizzati per i dispositivi mobili vengono visualizzati più in alto nei risultati di ricerca. Le ricerche su dispositivi mobili costituiscono più della metà di tutte le ricerche effettuate su Google.com”. Questa pratica è conosciuta come “Google Mobile-First Indexing”.

Un sito web ottimizzato per dispositivi mobili viene visualizzato correttamente e risponde a quello che viene chiaamto “responsive web design “, formattando automaticamente i contenuti e ordinando i link senza creare disordine. Poiché sempre più persone accedono alle informazioni online dai propri dispositivi mobili, è necessario assicurarsi che i visitatori del sito abbiano un’esperienza di navigazione facile. Alcune funzionalità dei siti ottimizzati per il mobile includono testo più grande, pulsanti accessibili e contenuti multimediali con una velocità di download più rapida. Gli studi hanno dimostrato che se un utente non può navigare e leggere facilmente un sito dal proprio dispositivo mobile, abbandonerà la pagina a favore di un concorrente che ha realizzato un progetto più compatibile. Quando un sito mobile soddisfa le esigenze di un utente, si crea fiducia e responsabilità, aumentando le probabilità che torni. In un’era di gratificazione immediata, la velocità del sito web è fondamentale.

Leggi anche:  Cisco, il motore della trasformazione tra sicurezza e open innovation

Secondo le dichiarazioni della stessa Google, i siti non ottimizzati per i dispositivi mobili rischiano di essere abbandonati dagli utenti 5 volte in più rispetto ai mobile-friendly. La prima cosa da fare è quindi condurre un’analisi dettagliata per valutare il livello di ottimizzazione del proprio sito. Google mette a disposizione alcuni strumenti per eseguire una prima analisi con il Test ottimizzazione mobile, l’usabilità su dispositivi mobili di Google Search Console, il rapporto dei Segnali web essenziali di Google Search Console e l’esperienza con le pagine di Google Search Console.

Una volta chiarito qual è lo stato di salute del sito, si può procedere attraverso cinque step specifici. Il primo, Less is more: tenere sempre a mente la differenza di dimensioni tra il desktop di un computer e uno schermo mobile, eliminando tutti gli elementi di layout superflui. Il secondo Keep the menu simple, spiega che il menù del sito, così come il motore di ricerca interno, devono essere semplici e immediati. Il terzo, Make it happen, richiede di rendere facilmente visibili e cliccabili i tasti che potrebbero portare un utente a diventare cliente. Poi Get in touch, ossia il bisogno di ottimizzare le interazioni anche per gli utenti mobile, riducendo al minimo i passaggi necessari per compilare un modulo di contatto o effettuare un acquisto. L’ultimo, Speed it up, si riferisce alla necessità di ridurre al minimo il tempo di caricamento del sito. Un progetto web mobile-oriented può davvero portare il business al successo.

Aritmetika ha sviluppato la soluzione iSmartFrame per massimizzare le performance di velocità e di conversioni nei siti web ed eCommerce, anche e soprattutto da mobile. Clicca qui per saperne di più.