Federico Protto, AD di Retelit, nominato AD di Irideos a seguito del closing da parte di Asterion

Federico Protto, AD di Retelit, nominato AD di Irideos a seguito del closing da parte di Asterion

Dall’acquisizione si configura la nascita del più grande player italiano B2B nel settore telco

È stata perfezionata l’acquisizione della quota di maggioranza (98%) di IRIDEOS, il polo ICT italiano leader nel cloud e nelle infrastrutture di data center e fibra ottica, da parte di Asterion Industrial Partners, fondo di investimento europeo con sede a Madrid specializzato in infrastrutture. L’operazione era stata annunciata lo scorso luglio, con la firma dell’accordo per l’acquisizione della quota di maggioranza da F2i (Fondi Italiani per le Infrastrutture) e con il successivo accordo per le restanti quote in capo al fondo europeo Marguerite.

IRIDEOS si aggiunge quindi al portafoglio di Asterion di cui fa già parte Retelit, con lo scopo di mettere a fattor comune piattaforme tecnologiche e competenze dei due Gruppi. Si realizza così il più grande player italiano focalizzato sul mondo delle aziende, della PA e sul mercato wholesale, in grado di competere ancora meglio sui mercati delle telecomunicazioni, dei servizi cloud e data center.

A seguito dell’acquisizione Roberta Neri, Operating Partner di Asterion e Presidente di Retelit, e Federico Protto, già Amministratore Delegato di Retelit, assumono rispettivamente il ruolo di Presidente e Amministratore Delegato di IRIDEOS. Danilo Vivarelli rimane a supporto del nuovo Consiglio di Amministrazione per facilitare la transizione.

“L’operazione rappresenta una grande opportunità che ci consentirà di potenziare i nostri asset tecnologici sia a livello di rete in fibra ottica che di data center, e quindi di ampliare l’offerta di servizi a disposizione dei nostri Clienti, aziende e PA” – commenta Roberta Neri – “Siamo certi che con il supporto di Asterion, le leadership di IRIDEOS e Retelit nel mercato ICT italiano si potranno ulteriormente rafforzare e consolidare”.

Leggi anche:  Una nuova leadership per E4 Computer Engineering