Le 5 tendenze del digital marketing nel 2023

Le 5 tendenze del digital marketing nel 2023

Andrew Warden, CMO Semrush, fa un’analisi dei trend e consigli concreti per preparare la strategia digitale della propria azienda, per scongiurare la recessione e farsi trovare preparati alle nuove sfide

Se gli esperti di economia dicono che la parola che caratterizzerà il 2023 è “recessione”, come possono i brand sopravvivere, o, meglio ancora, costruire un vantaggio competitivo in queste circostanze così sfavorevoli? Quali sono i tipi di contenuti che i marketer dovrebbero pubblicare in via prioritaria, data l’incertezza del 2023? E cosa si aspetteranno i clienti dalle aziende nel nuovo anno?

Domande importanti, alle quali è importante che le aziende diano risposta al più presto, se vogliono progettare strategie di crescita per il proprio business. In loro supporto, ancora una volta, arriva Semrush, piattaforma leader nella gestione della visibilità sul web. Andrew Warden, CMO dell’azienda, ha analizzato i dati delle ricerche online, per delineare quali saranno le 5 tendenze del digital marketing che caratterizzeranno il 2023.

Tendenza n. 1: Investire nella crescita per superare la recessione

Nel 2022, le persone erano ossessionate dal fatto che fossimo ufficialmente entrati in recessione o meno. I dati Semrush rivelano che la ricerca “è in arrivo una recessione” è aumentata di oltre il 1287,5% da dicembre 2020 a dicembre 2022. I consumatori stanno cercando una risposta definitiva. In realtà, il solo fatto che le persone siano consapevoli di una potenziale recessione è sufficiente per iniziare a vederne gli effetti sul mercato.

Cosa fare: 

  • Mettete in pausa le campagne o le spese pubblicitarie che non funzionano. Quel budget può essere utilizzato meglio con investimenti in aree in cui si può ottenere la massima crescita (suggerimento: organica!).
  • Concentratevi sul marketing organico per contribuire alla crescita della vostra visibilità online, anche quando i budget per gli annunci a pagamento si riducono
  • Progettate contenuti creativi e convincenti che diano al marchio una maggiore visibilità, ottenendo risultati a lungo termine che superano qualsiasi singola campagna a pagamento.
  • Sfruttate gli strumenti che vi dicono cosa cercano i consumatori e dove trascorrono il loro tempo online. Queste vi dirà come entrare in contatto con il vostro pubblico di riferimento.
Leggi anche:  Amazon, Microsoft e Meta si uniscono per ridurre le emissioni di Co2

Tendenza n. 2: Dimostrare che il vostro marchio ci tiene, e dimostrarlo

Oggi più che mai i consumatori prestano attenzione all’impatto delle aziende che sostengono. Dalle questioni ambientali a quelle sociali, la posizione di un’azienda può attirare nuovi acquirenti e fidelizzare il pubblico, o allontanarlo.

Semrush ha rilevato che le ricerche globali di “marchi con finalità sociali” sono aumentate del 133% da dicembre 2020 a dicembre 2022, IBM ha rilevato che i consumatori orientati allo scopo sono ora il segmento più grande, rappresentando il 44% del totale.

Cosa fare: 

  • Parlare con i clienti per scoprire quali sono le cause che stanno loro più a cuore e, con il supporto della leadership manageriale, allineare questi valori in tutta l’azienda.
  • Condividere con i leader dell’azienda le informazioni su ciò che sta a cuore ai clienti. Elaborare un piano d’azione su come il marchio può contribuire a queste cause.
  • Rendere la vostra azienda responsabile. Spingere per un cambiamento importante per i vostri clienti accelererà il progresso sia per la vostra azienda, sia per i vostri clienti.

Tendenza n. 3: Abbracciare i contenuti generati dall’IA

Dagli strumenti di scrittura ai bot, l’IA consente ai marketer di ridurre i costi, risparmiare tempo e amplificare la creatività automatizzando alcune attività, prevedendo il comportamento dei consumatori.

I dati di Semrush confermano che l’IA è in crescita, con le ricerche globali su Google per “strumenti di marketing IA” aumentate del 310,3% da dicembre 2020 a dicembre 2022. La domanda di IA nel marketing è alle stelle. Secondo Statista, nel 2021 il mercato dell’IA ha prodotto un fatturato di 15,84 miliardi di dollari. Si prevede un aumento a 107,5 miliardi entro il 2028.

Leggi anche:  L’idea di Elon Musk: 8 dollari al mese per avere la verifica dell’account Twitter

Cosa fare?

  • Abbandonare le paure e iniziare subito a utilizzare l’IA: più si impara, più si può sfruttare e risparmiare tempo.
  • Non accettate i risultati iniziali o successivi, probabilmente avremo bisogno di esseri umani per correggere la rotta nei prossimi 2-3 anni.
  • Spazzolate e allacciate le cinture: come marketer, sappiamo che il gioco cambia in continuazione.

Tendenza n. 4: Lasciare i cookie nel passato

Da quando Google ha annunciato per la prima volta il suo piano di eliminazione graduale dei cookie di terze parti nel 2020, questo è stato uno dei principali argomenti di conversazione nei team di marketing e di sviluppo aziendale. Anche se la data di scadenza dei cookie è stata più volte rimandata e ora è prevista per il 2024, i professionisti del marketing devono prepararsi.

Del resto, uno scioccante 83% dei marketer si affida ancora ai cookie di terze parti.

Cosa fare?

  • Chiedete ai vostri team di marketing digitale di abbandonare i cookie di terze parti per prepararsi al 2024. Ciò richiede una forte collaborazione tra la leadership del marketing e i team di marketing digitale e organico (se applicabile).
  • Utilizzate un potente software di visibilità online e trovate le API giuste per raccogliere dati sul comportamento dei clienti e sul marketing digitale dagli utenti che visitano il vostro sito e interagiscono con il vostro marchio.

Tendenza n. 5: Mettere in primo piano le storie dei clienti

Anche se è facile entusiasmarsi per le nuove tendenze digitali, lo storytelling è sempre al centro di ciò che facciamo come marketer. Le storie avvincenti sono più importanti che mai, ma quali tipi di storie? E chi dovrebbe raccontarle?

Leggi anche:  DeviantArt ha aperto a tutti lo strumento per proteggere gli NFT

Uno studio ha rilevato che ai clienti non interessa la pubblicità sui social media, a patto che il messaggio sia “divertente, utile, informativo o che mi commuova in qualche modo”. Individuare i tipi di narrazione che possano ottenere questi effetti dovrebbe essere una priorità assoluta.

I dati di Semrush hanno rilevato che le ricerche globali su Google per “idee di storytelling per le aziende” sono aumentate del 300% da dicembre 2020 a dicembre 2022, il che suggerisce che le aziende stanno iniziando a considerare come incorporare lo storytelling nella loro strategia.

Cosa fare? 

  • Creare connessioni significative con i clienti e incoraggiarli a condividere le loro esperienze con il brand sulle piattaforme in cui trascorrono la maggior parte del tempo. Lasciate che il pubblico veda come potrebbe beneficiare del vostro prodotto o servizio nel mondo reale.
  • Concentratevi sull’incorporazione di storie di vita reale nel vostro marketing.
  • Considerate la possibilità di organizzare concorsi per incoraggiare i clienti a condividere la loro esperienza con il vostro marchio.
  • Seguite le tendenze e il modo in cui i marchi raccontano le storie dei clienti nelle loro campagne di marketing per ottenere idee applicabili alla vostra azienda.