I nuovi filtri di Microsoft Teams aggiungono più personalità alle riunioni

Microsoft apre a tutti gli iPhone il supporto a Phone Link

L’IA analizza e applica gli sfondi in maniera più naturale

Le riunioni su Teams hanno sempre lo stesso aspetto? Microsoft ha appena aggiunto un altro metodo per ravvivare le chiamate con i colleghi di lavoro. La compagnia ha reso disponibili per tutti i filtri video nelle riunioni di Microsoft Teams. Proprio come suggerisce il nome della funzione, i filtri video sono un nuovo modo per dare un nuovo aspetto allo scenario che ci troviamo dietro ogni volta che partecipiamo ad una call di lavoro. Visto che spesso non ci piace il panorama che restituiamo alle altre persone che prendono parte alla riunione in remoto, finiamo con il disattivare la webcam. E invece, Microsoft ha pensato bene di applicare un bel po’ di intelligenza artificiale per far si che i filtri, sotto forma di sfondi e grafiche, si integrino meglio con l’ambiente circostante, anche quando l’utente non utilizza unì green screen’, un pannello verde che permetterebbe di avere una migliore sovrapposizione dei filtri.

Come funziona la novità di Microsoft? Semplice: l’IA analizza il contesto e cerca di adattare al meglio il filtro di sfondo all’immagine ripresa, compresa il soggetto in primo piano. Disponibile sia su Windows 11 che in macOS, la funzionalità può essere attivata solo dagli amministratori di una riunione, con i filtri che vanno attivati prima di partecipare alla riunione stessa direttamente nella lobby. Non è necessario alcun lavoro aggiuntivo per trovare la funzione, poiché sarà abilitata per impostazione predefinita. Questa è solo una delle nuove funzionalità di Microsoft Teams che il gruppo dovrebbe elencare meglio durante l’evento del 16 marzo denominato “The Future of work with AI”. Microsoft ha confermato che sta lavorando al supporto per l’audio spaziale in Teams, che può contribuire a rendere l’esperienza di riunione più naturale, come se le persone fossero nella stanza con l’interlocutore. Questa novità è stata già, almeno in parte, anticipata da Microsoft, con un rilascio nella roadmap del gruppo intorno a maggio.

TI PIACE QUESTO ARTICOLO?

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato.

Leggi anche:  Celonis, tutta la potenza della Process Intelligence