Il 70% dei leader aziendali preferirebbe che fosse un robot di AI a prendere decisioni basate sui dati al posto loro

Il 70% dei leader aziendali preferirebbe che fosse un robot di AI a prendere decisioni basate sui dati al posto loro

Secondo la ricerca “Decision Dilemma” l’’85% dei manager ha sofferto di stress decisionale nell’ultimo anno

Le persone si sentono sopraffatte e poco qualificate per prendere decisioni basate sui dati e questo, secondo la nuova indagine di Oracle e Seth Stephens-Davidowitz (data scientist e autore di bestseller suggerito dal New York Times), “The Decision Dilemma” (“Il dilemma decisionale”), sta mettendo a rischio la loro qualità della vita e le performance aziendali. Lo studio, basato sulle risposte di 14.000 persone – compresi molti leader aziendali – di 17 Paesi del mondo, ha rivelato che sta aumentando molto la difficoltà di prendere decisioni nella vita privata e professionale, specie quando si è costretti/e a prenderne un gran numero.

TI PIACE QUESTO ARTICOLO?

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato.

Il numero di decisioni che prendiamo si sta moltiplicando, e il volume crescente dei dati non è di aiuto

Le persone sono sopraffatte dalla quantità di dati disponibili e questo sta minando le loro sicurezze, rendendo le decisioni sempre più complicate, con effetti negativi sulla qualità di vita.

  1. Il 74% delle persone interpellate afferma che il numero di decisioni da prendere ogni giorno è aumentato di 10 volte negli ultimi tre anni;  il 78% sente di essere bombardato da una grande quantità di dati, provenienti da molte più fonti rispetto al passato.
  2. L’86% afferma che il volume dei dati disponibili sta rendendo molto più complicato prendere decisioni sia nella vita privata che in quella professionale e il 59% ammette che capita loro diverse volte in una giornata di non riuscire a prendere decisioni.
  3. Il 35% non sa di quali dati o fonti fidarsi e il 70% ha rinunciato a prendere una decisione perché sopraffatto dai dati.
  4. L’85% delle persone afferma che questa incapacità di prendere decisioni sta avendo un impatto negativo sulla qualità della vita. Sta portando a picchi di ansia (36%), occasioni mancate (33%) e spese superflue (29%).
  5. Di conseguenza, nel corso degli ultimi 3 anni, il 93% ha cambiato il modo in cui prende decisioni. Il 39% ora fa riferimento solo alle fonti di cui si fida e il 29% si basa esclusivamente sul proprio istinto.

Lo stress decisionale sta causando passività organizzativa

Secondo la ricerca Oracle, anche nelle imprese la situazione è analoga. I manager vogliono che i dati siano d’aiuto e sanno che sono fondamentali per il successo delle loro organizzazioni, ma non credono di avere gli strumenti giusti per utilizzarli bene, cosa che sta erodendo la loro fiducia se stessi e la capacità di prendere decisioni tempestive.

  1. L’85% dei leader aziendali ha sofferto di stress decisionale, e spesso rimpiange, sentendosi in colpa o mette in dubbio la validità di una decisione presa nell’ultimo anno; il 93% ritiene che il successo di un’organizzazione possa dipendere dalla giusta intelligence decisionale.
  1. Il 97% vorrebbe che i dati fossero d’aiuto. Idealmente, le persone vorrebbero che i dati le supportassero nel prendere decisioni migliori (44%), ridurre i rischi (41%), prendere decisioni più rapide (39%), fare più soldi (37%) e prepararsi ad affrontare l’inaspettato (29%).
  2. In realtà, il 72% ammette che l’enorme volume di dati disponibili e la mancanza di fiducia negli stessi ha fatto desistere dal prendere qualsiasi decisione e l’89% ritiene che il numero crescente di fonti di dati abbia limitato il successo dell’azienda in cui lavorano.
  3. La gestione di diverse fonti ha richiesto di impiegare risorse aggiuntive per raccogliere tutti i dati (40%), ha reso il processo decisionale strategico più lento (36%) e ha aumentato le possibilità che si verifichino errori (26%).
  4. I leader aziendali non ritengono che l’approccio attuale ai dati e al data analytics stia risolvendo questi problemi. Il 77% afferma che i dashboard e i grafici che utilizzano non sono sempre utili ai fini dei loro processi decisionali e il 72% ritiene che la maggior parte dei dati disponibili sia davvero utile solo per i professionisti IT o per i data scientist.
  5. I leader aziendali sanno che questo deve cambiare. Ritengono che dati e insight giusti possano aiutarli a prendere decisioni migliori in ambito HR (94%), AFC/Finance (94%), supply chain (94%) e customer experience (93%).
Leggi anche:  Cisco presenta Nexus HyperFabric AI Cluster

I dati devono essere rilevanti per le decisioni che le persone devono prendere, altrimenti queste ne faranno a meno

La raccolta e l’interpretazione dei dati hanno portato le persone al limite di sopportazione, e questo proprio in un momento in cui la posta in gioco è incredibilmente alta.

  1. Il 70% degli intervistati afferma che la raccolta e l’interpretazione di così tanti dati è “troppo da gestire” per loro.
  2. Questo è particolarmente evidente nel mondo imprenditoriale. Il 78% dei leader aziendali afferma che le persone spesso prendono decisioni e poi cercano dati che le giustifichino, il 74% dei dipendenti ritiene che le aziende spesso diano più peso al parere della “persona con lo status aziendale o lo stipendio più alto” che ai dati stessi e il 24% ritiene che la maggior parte delle decisioni prese nel mondo del business non siano logiche.
  3. La situazione è così difficile che il 64% delle persone, e il 70% dei leader aziendali, preferirebbe che tutti questi problemi sparissero e un robot di Intelligenza Artificiale prendesse le decisioni al posto loro.
  4. Nonostante il rapporto difficile con i dati nei loro mondi personali e professionali, le persone sanno che senza dati le loro decisioni sarebbero meno accurate (44%), meno efficaci (27%) e più soggette ad errori (39%).
  5. Le persone ritengono inoltre che un’organizzazione che utilizza la tecnologia per prendere decisioni basate sui dati sia più affidabile (79%) e abbia più successo (79%) e che con maggiore probabilità ci investirebbero (76%), collaborerebbero (77%) o ci lavorerebbero (78%).

“Le persone stanno annegando in un mare di dati”, ha dichiarato Seth Stephens-Davidowitz, data scientist e autore di “Everybody Lies” e “Don’t Trust Your Gut”. “Questo studio evidenzia come l’enorme quantità di input ricevuti dalle persone ogni giorno (tramite ricerche su Internet, notizie o commenti non richiesti) spesso diventi troppo grande perché sia gestita adeguatamente dal loro cervello. Le persone sono tentate di eliminare i dati confusionari, e talvolta conflittuali, e seguire il proprio istinto. Ma questo può essere un grosso errore. È stato dimostrato più e più volte che il nostro istinto può condurci fuori strada e che il miglior processo decisionale possibile si basa su una corretta comprensione dei dati più rilevanti. Trovare un modo per gestire il flusso di dati a portata di mano per aiutare le aziende a distinguere tra elementi importanti e secondari è un primo passo fondamentale”.

Leggi anche:  Wolters Kluwer presenta Genya Fatture&Corrispettivi

“Man mano che le aziende si espandono per servire nuovi clienti in nuovi modi, si espande anche il numero di input di dati necessari per ottenere il quadro completo. I leader aziendali che prendono decisioni di importanza critica su come gestire i loro business ignorano questi dati a proprio rischio e pericolo”, ha dichiarato T.K. Anand, executive vice president di Oracle Analytics. “L’esitazione, la diffidenza e la mancanza di comprensione dei dati mostrate in questo studio indicano che molte persone e organizzazioni devono ripensare il loro approccio ai dati e al processo decisionale. Ciò di cui le persone hanno realmente bisogno è poter connettere dati, insight, decisioni e azioni. Grazie alla nostra ampia gamma di funzionalità cloud connesse, dalla gestione dei dati fondamentali agli analytics aumentati e applicati alla nostra suite di applicazioni sui processi aziendali, siamo in grado di soddisfare questa esigenza”.

“Quando i nostri piloti corrono a più di 200 miglia all’ora, devono prendere decisioni critiche molto rapidamente. Le decisioni corrette in materia di strategia di gara, come la scelta dei pit-stop e degli pneumatici più adatti alle condizioni della pista, possono fare la differenza tra la vittoria e la sconfitta”, ha dichiarato Christian Horner, Team Principal e CEO di Oracle Red Bull Racing. “Con Oracle Cloud Infrastructure il nostro team può sfruttare i dati eseguendo miliardi di simulazioni di strategia di gara durante un fine settimana di Gran Premio, e ci  assicura di prendere le decisioni migliori in risposta alle prestazioni delle auto, ai cambiamenti che avvengono in pista e alle azioni dei nostri concorrenti durante la gara”.

“Oggi abbiamo accesso a molti dati, cosa che non accadeva nel nostro sport fino a pochi anni fa”, afferma Quentin Delapierre, skipper del team SailGP France (NdR SailGP è il campionato mondiale di vela più veloce al mondo, fondato dal campione Sir Russell Coutts e sostenuto dal Cloud di Oracle). “Le decisioni non sono più guidate solo dall’istinto e dall’esperienza dei velisti, ma anche da tutta una serie di informazioni a cui possiamo accedere immediatamente grazie alla tecnologia. I dati nel nostro sport devono essere uno strumento e non una verità assoluta, dobbiamo sempre mescolare le nostre sensazioni ed esperienze con le migliori informazioni e trovare la domanda giusta a cui rispondere. Poi possiamo andare a cercare nei dati il risultato oggettivo che ci permetterà di migliorare significativamente le nostre prestazioni. Ma questo implica avere la giusta tecnologia e le giuste soluzioni per analizzare rapidamente i dati e trasformarli in informazioni utilizzabili, il che ci consente di rafforzare l’efficienza e la pertinenza del processo decisionale. Per me, l’ultra performance viene dal mix corretto di analisi dei dati, istinto ed esperienza”.

Leggi anche:  Oracle integra l'AI generativa in tutto il suo stack tecnologico per consentirne l’adozione a livello aziendale su larga scala

Nel commentare i dati della ricerca mondiale Oracle, Sylvain Querné, General Manager di 6sicuro.it (Assiteca – gruppo Howden), il terzo broker assicurativo online in Italia, ha dichiarato: “Prendere decisioni può effettivamente essere sempre più difficile. I dati rappresentano uno strumento spesso irrinunciabile, ma non rappresentano un fine. Cerco, nei contesti professionali, di prendere decisioni razionali applicando 3 fattori: esperienza (competenze sull’argomento), obiettivo (visione), informazioni a disposizione (dati). Da privato, laddove applicabile, affido la scelta a professionisti in grado di applicare gli stessi fattori appena citati. La ricerca Oracle conferma non solo l’importanza dei dati, ma a mio parere soprattutto quella di avere strumenti di Intelligenza Artificiale e Machine Learning offerti da piattaforme Cloud come quella di Oracle per interpretarli e azionarli al meglio, senza dover essere dei data scientist. Da oltre 20 anni lavoro in ambito digitale e marketing, e ho toccato con mano più volte l’importanza di avere un’unica fonte di verità nei dati, per prendere decisioni a vantaggio dei clienti. In 6sicuro.it, dove la comparazione di polizze assicurative efficiente e veloce è il fattore competitivo per i nostri utenti, abbiamo da poco compiuto – insieme a Oracle – un cambio di passo importante, basato su dati e cloud, e ne stiamo cominciando a vedere i primi risultati incoraggianti”.

Un commento è arrivato anche da Andrea Cesarini, Managing Director di Accenture Oracle Business Group, Europe Lead. “Il numero delle decisioni che prendiamo ogni giorni si multiplica e in parallelo nell’ultimo decennio il volume dei dati è aumentato esponenzialmente. Ogni azienda deve adottare un approccio più strategico e rigoroso quando si tratta di acquisire, accrescere, affinare, proteggere e utilizzare i dati. Accenture può aiutarle a sfruttare al meglio il valore dei dati e renderli accessibili su larga scala, utilizzando tecnologie cloud e integrando l’intelligence così acquisita nel cuore digitale dell’impresa”.