Una ricerca di Zscaler ThreatLabz mostra un aumento di quasi il 50% degli attacchi di phishing

Cybersicurezza: Cyber Guru fa il punto tra le truffe ‘ever green’ e i raggiri sofisticati dall’intelligenza artificiale

Il report annuale sul phishing mette in evidenza le nuove campagne di phishing in evoluzione derivanti dall’ascesa di piattaforme di intelligenza artificiale, come ChatGPT, e invita le aziende ad adottare un’architettura Zero Trust

Zscaler, leader nella sicurezza del cloud, ha pubblicato oggi i risultati del suo report ThreatLabz Phishing 2023 che analizza 12 mesi di dati globali sul phishing provenienti dal più grande cloud di sicurezza in-line del mondo per identificare le ultime tendenze, le tattiche emergenti e i settori e aree geografiche maggiormente colpiti dagli attacchi di phishing. Il report ha rilevato che la maggior parte degli attacchi moderni si basa su credenziali d’accesso rubate e ha evidenziato la crescente minaccia degli attacchi Adversary-in-the-Middle (AitM), l’aumento dell’uso dell’InterPlanetary File System (IPFS), nonché l’utilizzo di kit di phishing provenienti dai mercati neri e di strumenti di intelligenza artificiale come ChatGPT.

TI PIACE QUESTO ARTICOLO?

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato.

“Il phishing rimane uno dei vettori di minaccia più utilizzati dai criminali informatici per violare le aziende. Anno dopo anno, continuiamo a registrare un aumento del numero di attacchi di phishing, che stanno diventando sempre più sofisticati. I criminali informatici sfruttano kit di phishing e strumenti di intelligenza artificiale per lanciare campagne email, SMiShing e Vishing altamente efficaci su larga scala”, ha dichiarato Deepen Desai, Global CISO e Head of Security di Zscaler.” Gli attacchi AitM, sostenuti dalla crescita del Phishing-as-a-Service, hanno permesso agli hacker di aggirare i modelli di sicurezza tradizionali, compresa l’autenticazione a più fattori. Per proteggere il proprio ambiente, le aziende devono adottare un’architettura Zero Trust per minimizzare in modo significativo la superficie di attacco, prevenire la violazione e ridurre il raggio d’azione in caso di un attacco andato a buon fine”.

L’aumento di minacce nuove e in evoluzione come ChatGPT

L’emergere di nuove tecnologie di intelligenza artificiale e di modelli linguistici di grandi dimensioni come ChatGPT ha reso più facile per i criminali informatici generare codici dannosi e attacchi di violazione dell’email aziendale (BEC, Business Email Compromise) e sviluppare malware polimorfi che rendono più difficile per le vittime identificare il phishing. I criminali informatici ospitano sempre più spesso le loro pagine di phishing sull’InterPlanetary File System (IPFS), un file system distribuito peer-to-peer che consente agli utenti di archiviare e condividere file su una rete decentralizzata di computer. È molto più difficile rimuovere una pagina di phishing ospitata in IPFS a causa dell’aspetto di rete peer-to-peer.

Leggi anche:  Nel DNA di Gyala sicurezza e sostenibilità digitale

ThreatLabz ha recentemente scoperto una campagna di phishing su larga scala che prevede attacchi Adversary-in-The-Middle. Gli attacchi AiTM utilizzano tecniche in grado di aggirare i metodi convenzionali di autenticazione a più fattori. Il vishing, ovvero le campagne di phishing tramite telefono o messaggio vocale, si è evoluto rispetto agli attacchi via SMS o SMiShing. In questi attacchi, infatti, i criminali informatici utilizzano frammenti di voce reali di un membro dei vertici aziendali per lasciare un messaggio pre-registrato in segreteria telefonica. In seguito, i destinatari vengono spinti a compiere azioni, come trasferire denaro o fornire credenziali. Molte aziende con sede negli Stati Uniti sono state prese di mira da attacchi di questo tipo.

Anche le truffe per la selezione del personale su LinkedIn e altri siti per la ricerca di lavoro sono in aumento. Purtroppo, nel 2022, molte grandi aziende della Silicon Valley hanno preso la difficile decisione di ridimensionarsi. Di conseguenza, i criminali informatici hanno sfruttato annunci di lavoro, siti, portali e moduli falsi per attirare persone in cerca di lavoro. Le vittime hanno spesso svolto un intero ciclo di colloqui, e ad alcune è stato persino chiesto di acquistare materiale che sarebbe stato rimborsato in seguito.

Brand famosi usati per attirare le vittime

I criminali informatici hanno spesso successo quando si spacciano per marchi tecnologici e di largo consumo. Microsoft è stato ancora una volta il marchio più imitato dell’anno, con quasi il 31% degli attacchi, poiché criminali informatici hanno cercato di accedere a varie applicazioni aziendali Microsoft delle aziende prese di mira. La borsa di criptovalute Binance ha rappresentato il 17% degli attacchi contro i marchi imitati, con i criminali informatici che si sono spacciati per falsi rappresentanti dei clienti di banche o società P2P (Procure-to-Pay). Grandi marchi come Netflix, Facebook e Adobe completano la top 20 dei marchi più imitati e oggetto di phishing.

Leggi anche:  Il ruolo della protezione e della sicurezza dei dati nelle relazioni di fiducia con clienti e partner

Il Nord America continua a essere il bersaglio principale degli attacchi di phishing

Gli Stati Uniti si confermano ancora una volta il Paese più colpito dagli attacchi di phishing. I dati indicano che oltre il 65% di tutti i tentativi di phishing si sono verificati negli Stati Uniti, con un aumento del 60% rispetto allo scorso anno. La ricerca ha rivelato un aumento impressionante dei tentativi di phishing in Canada (718%), Regno Unito (269%), Russia (199%) e Giappone (92%). Al contrario, in Ungheria e Singapore sono diminuiti rispettivamente del 90% e del 48%. ThreatLabz ritiene che la diminuzione di attacchi riscontrata a Singapore possa essere dovuta agli sforzi del governo di investire nella sicurezza informatica, comprese le iniziative della Cyber Security Agency (CSA) del Paese.

Aumentano gli attacchi di phishing ai settori dell’istruzione e della sanità

Il settore dell’istruzione ha registrato l’aumento più significativo di tentativi di phishing nel 2022, passando dall’ottavo posto al primo, con un incremento del 576%. ThreatLabz ritiene che il processo di richiesta di rimborso dei prestiti agli studenti e di riduzione del debito del 2022, abbia avuto un ruolo in questa impennata. I cinque settori più attaccati sono quelli finanziario, assicurativo, sanitario e della pubblica amministrazione, che hanno registrato poco meno di 31 milioni di tentativi nel 2021 e oltre 114 milioni nel 2022.

I settori del commercio al dettaglio e all’ingrosso, in cima alla lista dei più bersagliati nel 2021, hanno registrato una diminuzione del 67%. Anche il settore dei servizi ha registrato un calo del 38% rispetto ai tentativi di phishing del 2021.

Contrastare gli attacchi di phishing

Poiché le aziende ricevono quotidianamente e-mail di phishing, le perdite finanziarie subite a causa di attacchi malware e ransomware possono rapidamente far lievitare i costi IT su base annua. Affrontare tutte le minacce descritte in questo report è un lavoro impegnativo e, sebbene il rischio di minacce di phishing non possa essere eliminato del tutto, i team IT e di sicurezza possono imparare dagli incidenti analizzati. Zscaler consiglia le seguenti best practice per gestire meglio il rischio di phishing:

  • Comprendere i rischi per elaborare policy e strategie più complete e pertinenti.
  • Sfruttare gli strumenti automatizzati e le informazioni sulle minacce per ridurre gli incidenti di phishing.
  • Implementare architetture Zero Trust per limitare il raggio d’azione degli attacchi andati a buon fine.
  • Fornire una formazione tempestiva per aumentare la consapevolezza della sicurezza e favorire le segnalazioni da parte degli utenti.
  • Simulare attacchi di phishing per identificare le lacune del programma aziendale.
Leggi anche:  World Password Day: l'autenticazione con le password non basta più

Zscaler Zero Trust Exchange protegge i sistemi dal Phishing

Le statistiche del settore rivelano che un’azienda riceve in media quotidianamente un elevato volume di e-mail di phishing e che la compromissione degli utenti è una delle sfide di sicurezza più complesse da cui difendersi. La piattaforma Zscaler Zero Trust Exchange è costruita su un’architettura Zero Trust olistica per ridurre al minimo la superficie di attacco, prevenire la compromissione, eliminare i movimenti laterali e bloccare la perdita di dati.

Zscaler aiuta a bloccare il phishing nei seguenti modi:

  • Previene le compromissioni: ispezione completa su larga scala del traffico SSL, isolamento del browser e controllo degli accessi basato su policy per impedire l’accesso a siti web sospetti.
  • Elimina i movimenti laterali: Collegando gli utenti direttamente alle app, e non alla rete, si limita il raggio d’azione di un potenziale incidente.
  • Blocca gli utenti compromessi e le minacce interne. Se un criminale informatico riesce ad accedere al vostro sistema di identità, Zscaler è in grado di prevenire i tentativi di exploit delle app private con l’ispezione in linea e di rilevare i criminali informatici più sofisticati tramite un sistema integrato di “deception”.
  • Blocca la perdita di dati: Ispeziona i dati in movimento e quelli a riposo per prevenire il potenziale furto di dati da parte di un hacker in azione.