Amazon inserirà spezzoni pubblicitari in Prime

Amazon inserirà spezzoni pubblicitari in Prime

L’obiettivo della piattaforma è aumentare gli introiti sfruttando la base utenti attuale e futura

Amazon è in trattative per lanciare un livello supportato da pubblicità di Prime Video, secondo un rapporto del Wall Street Journal. Fonti vicine all’azienda affermano che le discussioni sono ancora nelle “fasi iniziali”, ma si sono svolte nell’arco delle ultime settimane. Amazon attualmente offre Prime Video come parte del suo abbonamento Prime, con la possibilità per gli utenti di aggiungere altri servizi, come Paramount Plus, attraverso i canali Prime Video. Come notato dal WSJ, Amazon sta valutando diversi modi in cui potrebbe implementare annunci nella piattaforma multimediale. Tra i tanti, la visualizzazione di pubblicità per gli abbonati esistenti, offrendo un’opzione per pagare un prezzo più alto ed eliminare la pubblicità. Secondo quanto riferito, le interruzioni pubblicitarie saranno “brevi”, sulla falsariga di YouTube, anche se la situazione non piacerà ai sostenitori attuali del servizio. 

In realtà, la logica di business di Amazon è molto ampia. Il gigante americano già inserisce spezzoni pubblicitari in Freevee, il suo servizio gratuito di streaming TV (FAST) supportato da adv. L’attuale situazione economica delle big tech non fa altro che consolidare maggiormente la necessità per i colossi di aumentare lgli introiti economici, anche sfruttando nuove logiche pubblicitarie. Inoltre, il WSJ riferisce che Amazon è in trattativa con Warner Bros. Discovery e Paramount per iniziare a offrire le versioni supportate dalla pubblicità di Max e Paramount Plus all’interno dei suoi canali Prime Video. La società potrebbe anche presentare un’offerta per i diritti di streaming dei giochi della National Basketball Association quando scadranno nel 2025, rafforzando potenzialmente la sua formazione di streaming sportivo, che attualmente include anche partite della Uefa Champions League.

TI PIACE QUESTO ARTICOLO?

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato.

Leggi anche:  Decisione dell’UE, Apple non sarà costretta ad aprire iMessage