Gruppo San Donato, servizi digitali di healthcare di prima classe con Dynatrace

Gruppo San Donato, servizi digitali di healthcare di prima classe con Dynatrace

Il più importante operatore sanitario privato in Italia sceglie la piattaforma Dynatrace per offrire ai pazienti esperienze digitali di elevata qualità, sempre disponibili e alla portata di tutti

Complici la pandemia e le nuove abitudini degli utenti, negli ultimi anni abbiamo assistito a una vera e propria corsa alla digitalizzazione. Tutti i settori di attività, anche quelli più tradizionali, hanno avviato complessi processi di trasformazione. In buona parte dei casi, il soddisfacimento delle aspettative degli utenti ha rappresentato la sfida principale. Viviamo, infatti, in un’epoca in cui il metro di paragone è dato dai servizi offerti dai grandi player nati in un mondo mobile e digitale, cresciuti seguendo le più moderne logiche di usabilità.  Anche in Italia esistono organizzazioni che hanno saputo interpretare le esigenze dei consumatori e ripensare al loro modo di offrire servizi al pubblico. È il caso di Gruppo San Donato, una realtà nata nel 1957 che ha rivoluzionato il mondo della sanità mettendo il paziente al centro del proprio ecosistema. Con le sue 56 strutture, circa settemila medici e cinque milioni di assistiti l’anno, costituisce il primo gruppo ospedaliero privato italiano, simbolo dell’eccellenza sanitaria sia nell’attività clinica che nella ricerca scientifica.

LA PARTNERSHIP CON DYNATRACE

Con l’obiettivo di offrire ai propri utenti dei servizi sempre più digitalizzati, GSD ha creato una software factory interna capace di gestire in modo ottimale ed efficiente le esigenze dei milioni di cittadini che ogni anno transitano dalle sue strutture. All’inizio del 2019 ha rilasciato la prima versione dell’app web e mobile che permette di prenotare visite, effettuare pagamenti e scaricare referti. Le funzionalità sono in costante ampliamento e includono l’integrazione con le piattaforme di telemedicina e l’imminente possibilità di scaricare le immagini allegate ai referti. «Oramai abbiamo superato i settecentomila utenti registrati, un risultato tutt’altro che banale per un’applicazione di questo tipo. Oggi più che mai, è per noi fondamentale offrire servizi efficienti, sempre disponibili, e con una user experience semplice, alla portata di tutti. È in questo contesto che si inserisce la nostra collaborazione con Dynatrace, che già conoscevamo e che abbiamo individuato come soluzione ideale per assicurare l’osservabilità del nostro ambiente cloud-native e per supportare il percorso evolutivo dei nostri servizi» – dichiara Marco Denti, head of Software Factory del Gruppo San Donato.

OSSERVABILITÀ SENZA PRECEDENTI

Tra i fattori che hanno determinato la scelta della piattaforma Dynatrace troviamo la garanzia di ottenere un uptime del 100% dell’applicazione, un’ottimizzazione di tutte le risorse e una rapida capacità di risoluzione delle anomalie. Forte di questa esperienza, il Gruppo ha applicato l’osservabilità di Dynatrace anche ai sistemi di cartella clinica già operativi in diversi ospedali e che a breve si estenderanno al resto delle strutture sanitarie dell’organizzazione. Marco Denti spiega che l’implementazione di Dynatrace è stata molto semplice: «In meno di due ore avevamo già attivato tutti gli agent, grazie anche all’elevata qualità dei Professional Services dell’azienda che ci hanno seguito in questa fase. Ora, l’osservabilità delle applicazioni da noi sviluppate è diventata un’operazione più lineare e trasparente, il sistema offre correlazioni e relative causalità che non sarebbero valutabili così agevolmente in un contesto di architetture software sempre più articolate. Dynatrace ci aiuta a risolvere velocemente le problematiche con un automatismo che evita uno sforzo importante da parte del nostro team IT, permettendoci di risparmiare il 90% del tempo che prima era necessario per compiere queste operazioni».

Leggi anche:  2024: la visione di Dassault Systèmes

Il livello di adozione della piattaforma Dynatrace cresce di pari passo alla complessità delle sfide affrontate, e spazia dal monitoraggio dell’infrastruttura alla gestione delle prestazioni delle esperienze digitali e all’integrazione nei flussi DevOps. Con l’adozione del nuovo modulo di Application Security, il Gruppo potrà inoltre offrire ai suoi utenti dei servizi digitali ancora più sicuri ed efficienti.