Elon Musk predice l’arrivo delle IA AGI

Elon Musk predice l’arrivo delle IA AGI

Secondo l’imprenditore, entro il 2029 avremo l’intelligenza artificiale indistinguibile dall’uomo

Elon Musk non vuole che l’IA sostituisca l’umanità, piuttosto sostiene che la prossima intelligenza artificiale renderà l’uomo più utile. Concetti espressi in una conferenza audio di 90 minuti su Twitter Spaces a cui hanno partecipato oltre 30.000 ascoltatori. L’uomo più ricco del mondo e leader di Tesla, SpaceX e Twitter ha delineato il suo obiettivo per la nuova impresa, xAI. Musk ha avviato la società ad aprile, nel tentativo di entrare formalmente nel mercato dell’IA. Con xAI, ha riunito una schiera impressionante di esperti (la maggior parte dei quali era presente alla conferenza Twitter Spaces), con l’audace obiettivo di “comprendere la vera natura dell’universo”. La comprensione, a quanto pare, ha a che fare con l’intelligenza artificiale “generalista”, ovvero AGI. “L’obiettivo di xAI è costruire una buona AGI con lo scopo generale di capire l’universo”, ha detto Musk.

Per i più timorosi, le AGI sono un potenziale rischio per l’essere umano, perché da questo si renderanno irriconoscibili in molte delle attività a cui siamo abituati, in pratica tutte quelle basate su un’interazione remota.Musk ha trascorso molto tempo a spiegare la sua visione di ciò che serve per costruire quella che ha definito una “super-intelligenza” sicura. È un approccio che si basa sulla sopravvivenza dell’umanità, non sulla sua estinzione.

“Penso che per una superintelligenza, avere a disposizione l’uomo sia molto più interessante che distruggerlo. Quando guardi i vari pianeti del nostro sistema solare, le lune e gli asteroidi, e probabilmente tutti messi insieme, non sono così interessanti come l’umanità”. Musk ha sottolineato di aver trascorso molti anni a pensare e preoccuparsi della sicurezza dell’IA e afferma di essere stata una delle voci più forti a chiedere una regolamentazione e supervisione ad organi esterni. L’imprenditore ha inoltre affermato che, a suo avviso, la sicurezza può essere raggiunta con un processo regolato dall’uomo ma senza troppi paletti, anzi con un forte senso di curiosità e voglia di scoprire qualcosa di nuovo.

Leggi anche:  Anche Snapchat lancia il suo chatbot

Musk ha affermato con enfasi che l’AGI arriverà – e presto. In quanto tale, si rende conto di avere due scelte: essere uno spettatore o un partecipante. Come partecipante, può influenzare i risultati ed essere un concorrente. “Penso che possiamo creare un’alternativa competitiva che si spera sia migliore di Google DeepMind, OpenAI o Microsoft”, ha affermato Musk. Sebbene il fondatore di Tesla non abbia specificato in dettaglio come xAI sarà in grado di competere efficacemente contro i suoi rivali, ha delineato una linea temporale specifica in cui si aspetta che la sua AGI sia effettivamente una realtà praticabile: all’incirca entro il 2029. Tuttavia, ogni volta che si cita Musk, è importante sottolineare che l’eccentrico imprenditore ha spesso indicato tempistiche per altre iniziative, tra cui l’atterraggio di esseri umani su Marte da parte di SpaceX e il lancio di un servizio di robotaxi Tesla ancora non soddisfatte. È ancora presto per dire quanto di concreto ci sia dietro l’iniziativa xAI ma è evidente che, per il momento, il trend è questo e salire sul treno prima che se ne sia andato è quasi più un obbligo formale che un vero progetto di business sul lungo periodo.