Fincons, broadcasting e publishing al centro della BU Media

Fincons, broadcasting e publishing al centro della BU Media

Servizi professionali e soluzioni IT per soddisfare le esigenze di evoluzione dei clienti

Tra le principali Business Unit di Fincons Group, la società di IT Business Consulting con 40 anni di esperienza nel settore IT e diverse sedi nel mondo, la BU Media si è particolarmente distinta per i numerosi progetti innovativi e per l’importante contributo fornito nel percorso di internazionalizzazione dell’azienda. «La BU Media opera nei settori broadcasting e publishing, ovvero nella distribuzione dei contenuti sia sui canali tradizionali – TV e carta stampata – sia attraverso i nuovi canali digitali, un ambito in grande evoluzione» – commenta Alberto Niero, general manager global BU Media Fincons Group.

TI PIACE QUESTO ARTICOLO?

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato.

La BU propone soluzioni e servizi ICT che coprono tutta la Content Value Chain, dalla gestione dei diritti alla programmazione e schedulazione, dall’advertising alla distribuzione video omnicanale, accompagnando i clienti nei loro percorsi di trasformazione. «Forniamo consulenza agli operatori media analizzando le loro esigenze, definendo nuovi modelli e processi e individuando le migliori soluzioni software in rapporto alle loro necessità» – afferma Niero. «Inoltre, offriamo progetti di integrazione e implementazione, valorizzando la nostra conoscenza dei processi di business, le competenze tecnologiche e le partnership con i vendor internazionali».

Tra le aree di competenza della BU, la gestione dei diritti ricopre un ruolo centrale. «Un tempo i contenuti erano distribuiti unicamente via antenna sulle TV» – commenta Niero. «Da diversi anni assistiamo a una frammentazione dei canali distributivi e dei dispositivi di fruizione, dallo smartphone al tablet al pc, alle game console, con una crescita esponenziale del consumo “on demand”. Tutta la filiera di produzione, gestione e distribuzione dei contenuti è divenuta molto più fluida, con content provider sempre più orientati a modelli Direct To Consumer e distributori impegnati nell’autoproduzione locale come strumento di difesa e differenziazione dai grandi player digitali globali. In questo scenario, è importante conoscere in quali modalità e piattaforme un contenuto può essere reso disponibile, secondo logiche sia B2C che B2B, e dotarsi di sistemi per la gestione dei diritti. Fincons, oltre ad avere esperienza nell’integrazione di soluzioni di mercato, ha sviluppato AllRights: un’innovativa soluzione proprietaria cloud native, flessibile e completa».

Leggi anche:  Integrazione industriale: quali sono i vantaggi per le aziende italiane

L’offerta è orientata anche a supportare i clienti nei processi di creazione e lavorazione dei contenuti, in cui sta acquisendo rilevanza crescente il cloud. «Sempre più aziende scelgono il cloud per essere più flessibili e ottimizzare i costi di gestione e processing dei contenuti». Il cloud, inoltre, rappresenta un elemento abilitante per nuove forme di valorizzazione dei contenuti, come la metadatazione automatica, che applica tecniche di AI alla video analysis per estrarre informazioni quali la presenza di personaggi famosi, il “sentiment” di una scena, la comparsa di oggetti o loghi, che rendono il contenuto “intelligente”, in grado di essere proposto in modo più appealing e personalizzato.

Le soluzioni per la distribuzione dei contenuti rappresentano l’ultimo tassello. «Negli ultimi dieci anni – conclude Niero – abbiamo svolto un ruolo importante sia nello sviluppo di servizi OTT che nella diffusione di standard quali l’HbbTV in Europa e l’ATSC 3.0 negli USA, che abilitano una forma televisiva più interattiva, personalizzata, partecipativa e social: la NextGenTV. Un importante riconoscimento in quest’ambito è il “NAB Show Product of the Year 2023”, che ci siamo aggiudicati durante l’ultimo evento NAB di Las Vegas grazie alla soluzione Dynamic Ad Insertion sviluppata per Mediaset/Publitalia ’80. Risultati come questo accelerano il nostro processo di internazionalizzazione, ponendo solide basi per il riconoscimento di Fincons come abilitatore dell’innovazione su scala globale. Un ruolo di prestigio che intendiamo continuare a perseguire nel futuro».