Intel si unisce ad Apple, Alphabet e Samsung come investitore di Arm

Intel si unisce ad Apple, Alphabet e Samsung come investitore di Arm

L’azienda vede un futuro brillante nella produzione di chip a basso consumo

Intel è una delle ultime aziende a investire in Arm, unendosi ai vari Samsung, Alphabet, Nvidia e altri. La mossa arriva mentre Softbank prepara Arm per la sua IPO, con l’intenzione di offrire 95,5 milioni di azioni a un prezzo compreso tra 47 e 51 dollari ciascuna. La società ha un valore di 52 miliardi di dollari, più del quasi accordo di vendita di Arm a Nvidia per 40 miliardi di dollari che è crollato nel 2022 (le barriere includevano la Federal Trade Commission che ha fatto causa per bloccarlo). Investire in quello che è, essenzialmente, il suo concorrente consente a Intel di espandersi oltre i suoi chip x86, che non sono così efficienti come quelli che Arm sta attualmente producendo.

Stuart Pann, vicepresidente senior e direttore generale di Intel Foundry Services, ha confermato l’investimento durante la conference call Communacopia & Technology di Goldman Sachs. “L’80% dei componenti di TSMC contiene un processore ARM”, ha affermato Pann. “Il fatto che la nostra organizzazione, IFS, stia investendo in ARM, stringendo partnership specifiche, dovrebbe dare un segnale che siamo assolutamente seri nel giocare in questo business perché se non lavori con ARM non puoi essere un fornitore completo”.

In qualità di “investitore di riferimento”, Intel dovrebbe avere un migliore accesso alla futura proprietà intellettuale di progettazione di chip di Arm che potrà poi produrre attraverso i suoi fiorenti piani di fabbrica a contratto. Come parte di questa espansione, Pann ha aggiunto che la società si concentrerà maggiormente su altri chipset a basso consumo, incluso RISC-V, che secondo lui è dove si trovano i “volumi” nel nuovo mondo del mobile-first computing. Dopotutto, lo scopo dell’apertura delle fabbriche a terzi da parte di Intel era in primo luogo quello di ammettere che i suoi sforzi in questo spazio non avevano avuto lo stesso successo del suo rivale più piccolo.

Leggi anche:  Rosenberger OSI potenzia il canale distributivo in Italia con IT.Answer

La decisione di investire in Arm arriva in un momento di enorme crescita (e di incentivi a crescere) nel settore della produzione di chip. All’inizio di quest’anno, l’amministrazione Biden ha rilasciato richieste di finanziamento alle aziende per ottenere una parte di 39 miliardi di dollari destinata alla produzione di semiconduttori. Più recentemente, Apple ha esteso il suo accordo di licenza con Arm fino al 2040. Il produttore di iPhone è stato uno dei sostenitori fondatori dell’azienda, prima utilizzando la tecnologia nel suo primo computer Newton e, più recentemente, come spina dorsale dell’intera gamma di dispositivi di consumo.