Musk cambia (ancora) i post su X

Musk cambia (ancora) i post su X

Addio alle anteprime dei link sulla versione mobile: visibili solo le foto di copertina dei link condivisi

I post su X potrebbero apparire molto diversi, soprattutto se segui principalmente notizie e pubblicazioni sui media. Il sito web precedentemente noto come Twitter ha iniziato a rimuovere titoli e frammenti dai link pubblicati, implementando una modifica segnalata da Fortune in agosto. Allora, il proprietario del sito web Elon Musk disse che l’idea era venuta direttamente da lui e che “migliorerà notevolmente l’estetica [della piattaforma]”. Con la novità, viene mostrata solo l’immagine dell’articolo con una sovrapposizione del suo URL su mobile. Sul Web è ancora presente lo snippet dell’articolo e una versione troncata del titolo. Secondo quanto riferito, agli inserzionisti non è piaciuto il nuovo formato quando ne è stata mostrata un’anteprima, ma il cambiamento è ancora in fase di attuazione. Il motivo principale del cambio di formato di X è apparentemente quello di rendere i post più compatti, inserendone un numero maggiore nella porzione della timeline che appare sullo schermo. 

Inoltre, secondo quanto riferito, Musk ritiene che ciò potrebbe aiutare a ridurre i casi di clickbait, che si basano su titoli a quattro colonne. Sebbene Musk affermi pubblicamente che la principale forza trainante del cambiamento di formato sia l’estetica del sito web, non è un segreto che stia cercando di incoraggiare più persone a pubblicare pezzi di lunga durata direttamente su X. Il sito web ha ampliato il limite di post degli abbonati Blue a 25.000 caratteri. E, in precedenza, lo stesso Musk aveva twittato che i giornalisti che vogliono “più libertà di scrivere e un reddito più alto” dovrebbero “pubblicare direttamente” sulla piattaforma. Più recentemente, ha incoraggiato “più citizen journalism” su X e ha affermato che le persone possono fare “facilmente video in diretta” dal proprio telefono.

Leggi anche:  Facebook, un singolo utente può essere targettizzato anche da 48mila aziende