Il ruolo cruciale dei cloud sovrani nell’equilibrio tra innovazione e sicurezza dei dati nell’economia digitale

Il ruolo cruciale dei cloud sovrani nell’equilibrio tra innovazione e sicurezza dei dati nell’economia digitale

A cura di Rodolfo Rotondo, Business Solutions Strategy Director EMEA, VMware

Viviamo in un’epoca in cui l’economia è strettamente legata all’utilizzo dei dati, che rappresentano il cuore pulsante delle attività di business. La capacità di capitalizzare il loro valore intrinseco è divenuta non solo un vantaggio competitivo, ma una condizione sine qua non per la sopravvivenza delle imprese. Tuttavia, insieme a questa sfida, le aziende devono affrontare obblighi in continua evoluzione legati alla tutela e regolamentazione dei dati. La non conformità a tali normative può portare a sanzioni pesanti e complessità aggiuntiva nella gestione della sicurezza e della privacy.

Il bilanciamento tra efficienza tecnologica e sicurezza e le preoccupazioni dei consumatori

In un mondo in cui l’utilizzo dei dati è pervasivo, le organizzazioni devono trovare un equilibrio ed essere in grado di bilanciare efficienza e potenziale offerti dalle nuove tecnologie con la necessità di garantire la sicurezza delle informazioni in loro possesso. La gestione della sicurezza e della privacy dei dati diventa cruciale per aziende e organizzazioni, e rappresenta oggi una necessità riconosciuta anche dai consumatori. L’attenzione è crescente, come confermato da una recente ricerca commissionata da VMware e condotta da CS On Research in Italia e Spagna.

I risultati rivelano che l’87% degli italiani si sente più sicuro potendo revocare l’accesso ai propri dati e richiederne la cancellazione. Inoltre, il 64% preferisce che siano conservati in Italia rispetto ad altri Paesi europei, sottolineando la crescente consapevolezza dell’importanza della localizzazione dei dati. Il 59% manifesta una particolare preoccupazione per la protezione contro minacce informatiche, a testimonianza dell’importanza di soluzioni e politiche che garantiscano un elevato standard di sicurezza e soddisfino le aspettative sempre più elevate dei consumatori in materia di gestione dei dati personali.

Leggi anche:  NFON lancia Cloudya per Microsoft Teams con cui espande il portfolio di integrazioni

In risposta a questa crescente consapevolezza e alle sfide presenti, l’adozione dei Sovereign Cloud diventa essenziale. Questa soluzione fornisce un’infrastruttura altamente sicura e conforme alle normative locali, permettendo alle organizzazioni di conservare i dati in modo sicuro all’interno dei confini nazionali e preservandone la sovranità. Implementare un efficace modello di sovranità del cloud non solo garantisce alle organizzazioni sicurezza e compliance dei dati, ma costituisce anche un fondamentale mezzo per sfruttarne appieno il valore intrinseco.

Sfruttare a pieno il valore dei dati per innovare

L’ottimizzazione della gestione dei dati consente infatti alle aziende di elevare la qualità dei propri servizi, potenziando l’efficienza operativa e aprendo nuove opportunità di innovazione. In un contesto sempre più data-driven, l’abilità di massimizzarne il valore diventa un elemento chiave per differenziarsi sul mercato, consentendo alle imprese di offrire soluzioni e servizi più personalizzati e all’avanguardia.

A questo proposito, emerge un dato interessante: il 65% degli intervistati in Italia, infatti, si dice d’accordo con l’intervento dell’AI nel processare le proprie informazioni se questo significa fornire un servizio migliore (31%), più economico (17%) o più veloce (17%). La ricerca mette in luce comprensibili preoccupazioni da parte dei cittadini italiani riguardo alla condivisione dei propri dati, ma allo stesso tempo rivela una certa propensione ad affidarli alle organizzazioni e alle pubbliche amministrazioni quando questo significa avere servizi migliori.

I cloud sovrani e i principi chiave di residenza e sovranità dei dati

In questo delicato equilibrio e gioco di forze tra preoccupazione e fiducia si evidenzia la necessità, dunque, di adottare i sovereign cloud. I cloud sovrani si basano su due principi chiave: la residenza dei dati e la sovranità. La residenza dei dati implica che essi rimangano all’interno dei confini nazionali o geografici di determinate Nazioni, rispettando le leggi vigenti. Al contempo, la sovranità dei dati garantisce che le informazioni siano soggette alle leggi sulla privacy della nazione o della regione in cui vengono raccolte.

Leggi anche:  Il cloud, fatto per bene

In un contesto in cui le leggi sulla sicurezza e sulla privacy dei dati evolvono in modo complesso, i cloud sovrani emergono come la risposta chiave. La necessità di bilanciare i benefici della nuova economia digitale, in cui i dati sono la valuta principale, con il rischio legale e la protezione degli stessi, è infatti una sfida che richiede un approccio olistico.

Verso una nuova era digitale sicura e sostenibile

In conclusione, il paradigma sta cambiando e le organizzazioni devono essere pronte. In un’era in cui i dati guidano l’innovazione e il vantaggio competitivo, il cloud sovrano si presenta come la chiave per partecipare a questa nuova economia digitale in modo sicuro e sostenibile. La consapevolezza crescente tra consumatori e imprese sottolinea l’importanza cruciale di investire in soluzioni che, oltre a massimizzare il potenziale del dato a vantaggio del consumatore, ne preservano simultaneamente sicurezza e sovranità.