L’evoluzione di DIELLE

Storia di famiglia e innovazione per un nuovo modo di fare impresa

PLC-City, brand dell’azienda leader nel settore dell’automazione industriale, DIELLE Industrial Automation, è un esempio di eccellenza nel Made in Italy, con una storia che intreccia famiglia, impresa e innovazione. «Dove finisco io, inizia mio fratello. Dove finisce lui, inizio io». È il motto di Maria De Lillo, CEO di PLC-City, una realtà che nasce in provincia di Napoli nel 1980. Nasce come system integrator, specializzandosi nella produzione di software, impianti e quadri elettrici. Grazie alle competenze dei tecnici specializzati e alla qualità dei servizi forniti, raggiunge rapidamente una posizione di leadership nell’automazione industriale del settore alimentare. Pian piano, realizzando software per settori diversi, dall’edilizia all’automotive, arriva a incubare startup e a realizzare impianti in tutto il mondo. Con l’ingresso in azienda della seconda generazione, DIELLE scommette sul mondo web, fondando nel 2005 PLC-City, un negozio eBay dedicato alla vendita di prodotti per l’automazione industriale, nuovi e ricondizionati. Dal 2015 ad oggi PLC-City è diventata una vetrina online leader nel settore con visibilità internazionale.

Nel 2022, anno in cui il fatturato raggiunge 50 milioni di euro, di cui l’80% realizzato all’estero, DIELLE pubblica il bilancio di sostenibilità con la rendicontazione di tutte le iniziative di sostenibilità ambientale, sociale e di welfare che l’azienda attua non solo internamente, ma anche nei confronti degli stakeholder. «Non c’è eccellenza senza sostenibilità» – spiega il co-CEO Andrea De Lillo. «Vogliamo essere sostenibili non solo in termini di risparmio energetico e attenzione all’ambiente, ma favorendo tutte quelle politiche di welfare che fanno sì che le persone abbiano una qualità di vita migliore e siano più proattive verso l’azienda». Secondo Maria De Lillo è importante, per un’azienda, redigere il bilancio di sostenibilità al fine di ottenere una dimensione ancora più caratterizzante rispetto ai costi gestionali. Adottare un approccio sostenibile può generare benefici economici tangibili. «Il traguardo più significativo che abbiamo raggiunto è l’aumento costante della presenza femminile all’interno dell’azienda. Un successo che abbiamo inserito nel bilancio di sostenibilità. Altrettanto rilevante è la quantità di emissioni di CO2 che siamo riusciti ad abbattere grazie alla collaborazione con alcune aziende di logistica per la realizzazione di progetti di riforestazione e piantumazione e la creazione di barriere coralline».

Leggi anche:  Data Mesh, come rivoluzionare il mondo dei dati attraverso il Data Marketplace

LA FORZA DELLE DONNE

«Il futuro di DIELLE è sempre più proiettato al femminile. Operiamo in un settore tradizionalmente maschile. Siamo una realtà strutturata con un team di 80 persone. Attualmente, il 75% del nostro team è composto da donne. Parallelamente, stiamo rafforzando il nostro impegno nell’espandere e consolidare il brand. Vogliamo replicare l’alchimia che ha generato il nostro successo, esplorando nuovi settori. Stiamo focalizzando le nostre risorse su progetti che abbracciano l’automazione industriale con un tocco distintivo. L’obiettivo è creare opportunità sempre più nuove e coinvolgenti. Entro il 2026, sarà inaugurato il nuovo quartier generale di Monte di Procida (Na), un immobile di oltre cinquemila metri quadrati, situato nel cuore del paese. Gli uffici avranno circa 300 postazioni, ma l’edificio non sarà solo la base operativa dell’azienda, ma avrà anche spazi esterni per i nostri dipendenti e la comunità».