La ricerca Google elimina i memorizzati nella cache

La ricerca Google elimina i memorizzati nella cache

La funzione, secondo Big G, era utile quando le connessioni erano lente

Una delle funzionalità più antiche e conosciute di Google Search, i collegamenti alla cache, è stata ritirata. Il suo menu,”Memorizzato nella cache”, permetteva di avere un’istantanea di una pagina Web l’ultima volta che Google l’aveva indicizzata. Tuttavia, secondo l’azienda, si tratto di uno strumento non più necessario. “Era pensato per aiutare le persone ad accedere alle pagine quando in passato, spesso non si poteva dipendere dal caricamento di una pagina”, ha scritto Danny Sullivan di Google in post. “Al giorno d’oggi, le cose sono notevolmente migliorate. Quindi, è stato deciso di ritirarlo”. Attualmente, la funzionalità viene utilizzata per qualcosa di più del semplice backup di una pagina Web. Molte persone fanno affidamento su di esso per verificare la validità di un sito e i responsabili SEO possono utilizzare la funzione per verificare la presenza di errori nei loro siti. Gli utenti, in particolare i giornalisti, utilizzano la cache per vedere se un sito Web è stato aggiornato di recente, con informazioni aggiunte o rimosse. E a volte, una cache può consentirti di controllare un sito geobloccato nella propria regione. 

In precedenza, facendo clic sul menu a tre punti accanto a un risultato si apriva una finestra di dialogo “Informazioni su questo risultato” con il pulsante Memorizza cache in basso a destra. Ora, si accede ad un menu molto più ampio che mostra la pagina “informazioni” di un sito Web, una descrizione di Wikipedia, le impostazioni sulla privacy e altro ancora. Il pulsante per la cache non è più presente. Sullivan ha aggiunto che un giorno Google potrebbe aggiungere collegamenti all’archivio Internet dove si trovava il pulsante di collegamento alla cache, all’interno di Informazioni su tale risultato. Questo sarebbe basato su un accordo con Internet Archive, per ora solo teorico. “Nessuna promessa. Dobbiamo parlare con loro, vedere come potrebbe andare tutto – coinvolge persone ben oltre me. Ma penso che sarebbe bello” chiosa il manager.

Leggi anche:  Meta, decine di stati americani portano in tribunale il colosso