Sparkle attiva un nuovo Punto di Presenza a Roma presso l’Hyper Cloud Data Center di Aruba

Sparkle attiva un nuovo Punto di Presenza a Roma presso l’Hyper Cloud Data Center di Aruba

Grazie al collegamento con BlueMed, la capitale si rafforza come hub di connettività globale tra Europa, Africa, Medio Oriente e Asia inserendo l’Italia al centro del corridoio IMEC

Sparkle, primo operatore di servizi internazionali in Italia e fra i primi nel mondo, e Aruba, il principale provider italiano di servizi cloud, data center, hosting, e-mail, registrazione domini e PEC, annunciano l’attivazione del nuovo Punto di Presenza (PoP) Sparkle presso l’Hyper Cloud Data Center di Aruba, il più grande data center campus di Roma di prossima inaugurazione.

TI PIACE QUESTO ARTICOLO?

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato.

L’accordo tra Aruba e Sparkle rafforza Roma come hub di connettività globale tra l’Europa, l’Africa, il Medio Oriente e l’Asia grazie al collegamento con BlueMed, il nuovo cavo di Sparkle che aumenta la connettività nel bacino del Mediterraneo collegando vari Paesi – tra cui Francia, Grecia, Israele e Italia con approdi a Roma, Genova, Palermo e Golfo Aranci. BlueMed è parte integrante del progetto Blue & Raman Submarine Cable Systems, in partnership con Google e altri operatori, nuova infrastruttura digitale tra Europa, Africa, Medio Oriente e Asia con estensione fino all’India, tra i primi progetti in realizzazione sul corridoio IMEC (India-Middle East-Europe Economic Corridor) istituito nel G20 del settembre 2023.

Progettato con architettura “open cable system” e “open landing station”, BlueMed assicura la massima apertura verso altri operatori e lo sviluppo di ecosistemi di interconnessione di traffico Internet. Con quattro coppie di fibra e una capacità di oltre 25 Terabit al secondo (Tbps) per coppia, BlueMed offre a operatori e imprese connessioni internazionali ad alta velocità e alte prestazioni da Roma verso tutte le destinazioni di Sparkle nel mondo.

Il nuovo PoP di Sparkle è stato attivato presso l’Hyper Cloud Data Center (IT4) di Aruba, campus tecnologico situato presso il Tecnopolo Tiburtino, un distretto in cui operano oltre 150 aziende, dall’aerospazio all’ICT, in un ambiente progettato anche per sostenere la crescita e lo sviluppo di nuove imprese e startup. Il data center campus si estende in un’area di 74.000 m² e a pieno regime comprenderà cinque data center indipendenti per un totale di 30 MW di potenza IT, di cui il primo (DC-A) già certificato ANSI/TIA Rating 4. Progettato nel rispetto dei massimi standard di resilienza e qualità infrastrutturale, il nuovo polo prevede l’utilizzo di energia rinnovabile, sistemi di raffreddamento e impianti altamente efficienti.

Leggi anche:  Le reti 5G private pronte al decollo nel settore dell’aeronautica

“Con l’attivazione del nuovo PoP integrato con BlueMed, intendiamo rispondere alle esigenze di aziende e operatori che necessitano di grandi capacità di interconnessione internazionale”, ha dichiarato Enrico Bagnasco, amministratore delegato di Sparkle. “Avviciniamo Roma ai maggiori punti di scambio della connettività mondiale grazie a un percorso unico e a bassa latenza verso Marsiglia e Palermo, integrato con i principali cavi sottomarini che attraversano il Mediterraneo e le altre destinazioni della rete globale di Sparkle.”

Stefano Cecconi, Amministratore Delegato di Aruba ha commentato: “Condividiamo con Sparkle l’obiettivo di servire al meglio aziende ed operatori che hanno necessità di grandi capacità, non solo di connettività ma anche di spazio e potenza all’interno di Data Center allo stato dell’arte e che siano sufficientemente grandi per supportare anche i piani di crescita più importanti. La possibilità di ospitare un PoP Sparkle e la disponibilità di BlueMed sono tasselli importanti per consolidare i nostri Data Center come asset strategici a livello nazionale ed europeo e sono perfettamente in linea con la nostra filosofia carrier neutral. Tale approccio è pensato per consentire ai clienti di fruire, in massima autonomia, di soluzioni di connessione a Internet estremamente affidabili e ad altissime prestazioni, e favorire lo sviluppo di interconnessioni a beneficio dell’intero ecosistema, ponendo Roma come ulteriore punto di snodo di connettività e centro di erogazione di servizi IT e cloud per la Capitale e tutto il Centro-Sud Italia”.

Il nuovo PoP – che già ospita importanti player internazionali – si aggiunge ai quattro attuali punti di presenza a Roma aumentando la capillarità dell’anello metropolitano, sistema protetto e ridondante completamente integrato con la rete IP globale Tier-1 Seabone di Sparkle. Operatori di rete, ISP, OTT, content e application provider possono beneficiare della gamma di servizi IP e Dati offerti da Sparkle, incluso il servizio DDoS Protection, che offre la possibilità di proteggere la propria rete dagli attacchi, e Virtual NAP che fornisce accesso virtuale ai principali Internet Exchange Point (IXP) senza la necessità di costruire infrastrutture proprietarie.

Leggi anche:  La vera innovazione nel networking è l’AI