Agenda per l’Italia digitale

“Altro passo in avanti per l’Agenda Digitale e per dotare cittadini di servizi più efficienti”. Così il ministro dello Sviluppo Economico, Corrado Passera, ancora in carica per gli affari correnti, ha commentato su Twitter, tre giorni fa, l’approvazione dello Statuto dell’Agenda Digitale Italiana.

Il direttore generale dell’Agenzia per l’Italia digitale, Agostino Ragosa, ha ottenuto il via libera allo Statuo. DigitPa, l’Agenzia per la diffusione delle tecnologie per l’innovazione, il Dipartimento per la digitalizzazione della PA della Presidenza del Consiglio sono confluiti nel nuovo Statuto dell’Agenzia Digitale che dovrà – però – ricevere l’ok dalla Corte dei Conti per la copertura finanziaria. Adesso, il direttore generale, Agostino Ragosa, dovrà nominare il Comitato d’indirizzo al cui interno siederà lo stesso direttore dell’Agenzia, un rappresentate della Presidenza del Consiglio, uno del MiSE, uno del MIUR, uno Ministero per la PA, uno dell’Economia e due della Conferenza Unificata e avrà il compito di programmare e regolare l’attività dell’Agenzia.

INNOVAZIONE ANCHE NEI METODI DI EXECUTION

E’ vero. L’Italia è in ritardo. La politica non riesce a trovare risposte. Se il Parlamento fosse un’azienda si chiamerebbe un esperto di negoziazione e di problem solving. E in una situazione di stallo sarebbe utile invocare l’extra omnes e procedere al metodo di Santa Romana Chiesa, chiudendo i portoni di Motecitorio cum clave. Intanto i richiami del Commissario per la Digital Agenda, Neelie Kroes, non sono certo immuni da critiche ed emergono i limiti di un’impostazione dell’Agenda Digitale, tutta orientata solo alla domanda e ai nuovi servizi. Del resto, Kroes era stata (2004-2010), la commissaria alla Concorrenza. In Italia siamo bravi, anzi bravissimi, a mettere in piedi commissioni e statuti, ma le regole servono per fare le cose. Riusciremo a passare alla fase di esecuzione del progetto, oppure, ancora una volta dovremo prendere atto che tra il dire e il fare scorre il proverbiale oceano?

Leggi anche:  Le soluzioni Praim per la Pubblica Amministrazione