Andy Rubin di Google abbandona Android

Il numero uno di Android lascia la direzione dell’OS mobile di Google per dedicarsi ad altri progetti sempre all’interno di Big G. Il suo posto sarà preso da Sundar Pichai, responsabile della divisione Chrome & Apps

Andy Rubin, l’uomo che ha portato Android a coprire il 70% del mercato mondiale mobile, ha deciso di abbandonare la sua creatura. Rubin rimarrà all’interno dell’azienda ma si dedicherà ad altri progetti.

“Un nuovo capitolo” sempre all’interno di Google

La conferma arriva direttamente dal CEO di Google Larry Page, che ha affermato tempo fa che Facebook stava facendo un pessimo lavoro: “Dopo essere andato al di là dei più ambiziosi obiettivi che sognavamo per Android, Andy ha deciso che è il momento di passare le redini e aprire un nuovo capitolo in Google”. Il ruolo di Rubin passerà a Sundar Pichai, che resterà responsabile della divisione Chrome & Apps ma si dedicherà anche ad Android, che oltre ad essere l’OS mobile più diffuso è anche il più attaccato dagli hacker.

Un ponte fra Android e Chrome

La scelta di Pichai sembra seguire una logica ben precisa. Google, che ha ideato nuove funzioni per i propri Google Glass, si prepara a sviluppare una maggiore integrazione fra il proprio OS mobile e quello desktop, che sarà utilizzato sui PC touchscreen e non è stato violato dagli hacker al contest organizzato dallo stesso Big G.

Leggi anche:  Management e spiritualità