Bye Bye Messenger, Hello Skype!

Dal 15 marzo 2013 cesserà di essere attivo Windows Live Messenger, il sistema di messaggistica istantanea di Microsoft lanciato nel 1999. La decisione, preannunciata lo scorso novembre, è oggi diventata ufficiale e interesserà ogni singolo paese a eccezione della Cina

“It’s time to update Messenger to Skype” è il messaggio inviato in queste ore agli utenti che tuttora utilizzano il sistema. Questi ultimi, se lo vorranno, potranno confluire su Skype, sistema di chat e videochiamate VoIP acquisito dalla società di Redmond nell’ottobre del 2011 per un valore di 8,5 miliardi di dollari. Si potrà accedere a Skype con le stesse identiche credenziali che si utilizzano oggi per accedere a Messenger.

Microsoft punta tutto su Skype

Se qualcuno si chiedeva quale sarebbe stato il futuro di Messenger, ecco oggi la risposta. Skype diventa la piattaforma primaria di comunicazione per il mercato consumer e potrà continuare a essere utilizzata su desktop e sistemi operativi mobile eterogenei, iOS, Android e, ovviamente, Windows 8.  Accanto a Skype, Microsoft manterrà investimenti e supporto per la piattaforma di comunicazione aziendale Lync. Su piattaforma mobile Skype è la soluzione di videochiamata più utilizzata su dispostivi Android (a giugno dello scorso anno anno erano state superati i 70 milioni di download). La versione per Windows Phone è stata resa disponibile nel corso del 2012. E’ chiaro che la competizione nel settore dei dispositivi mobili, dove Microsoft è subalterna a Apple e Google, per quanto riguarda diffusione e popolarità di sistemi operativi, innesca una serie di interrogativi sul modo in cui prossimamente verrò gestito il futuro di Skype. E’ possibile pensare che verrà messo in atto una strategia che possa aiutare Microsoft a rendere più competitivo Windows nei confronti della concorrenza? Oppure l’obiettivo di Microsoft sarà, sempre e comunque. quello di fare crescere la base utenti assecondando i trend di mercato con i vantaggi impliciti di poter contare su una comunità di utenti il più ampia possibile?

Leggi anche:  Buoni spesa: la moneta a scadenza che incentiva i consumi

Cala MSN, gli utenti migrano su Skype

Nel corso di questi due anni Windows Messenger ha visto crollare il proprio audience, perdendo circa 200 milioni di utenti, oggi 100 milioni rispetto ai 330 milioni di inizio 2011. Nello stesso periodo Skype ha continuato a incrementare il proprio audience fino a raggiungere 280 milioni di utenti numero che, con la prossima massiccia migrazione degli utenti Messenger, è destinato ad aumentare ulteriormente.