Blogmeter: sui social media i brand internazionali prediligono strategie multicanale

Lo studio “Dimmi dove vai e ti dirò chi sei” di Blogmeter ha mappato la presenza sui social media dei Top 100 brand globali della classifica Brandz di Millward Brown

Su quali social media e social network si muovono i brand internazionali? E’ meglio avere un solo profilo globale oppure più profili localizzati per i diversi paesi? E ancora, quali e quanti profili ufficiali è utile attivare? Lo studio “Dimmi dove vai e ti dirò chi sei”, presentato da Blogmeter al recente Social CaseHistory Forum, è partito da queste curiosità di fondo per costruire un social media compass, una bussola in grado di spiegare strategie e comportamenti messi in campo dai brand. Utilizzando il tool di Facebook Social Analytics di Blogmeter, l’indagine ha preso come punto di partenza la lista Brandz di Millward Brown, che indica i 100 brand di maggiore valore a livello globale, per andare a mappare la loro presenza sui social media rispetto ai profili globali e italiani. Dai risultati emerge innanzitutto che la strategia vincente è quella di utilizzare in modo integrato un set di social media.

Non si prescinde naturalmente da Facebook e Twitter, sui quali circa il 70% dei brand ha un profilo ufficiale, e non si tralascia neppure YouTube, utilizzato da più della metà del campione, Linkedin (13%) e soprattutto Google Plus (14%), mentre invece solo il 5% dei brand ha scelto di aprire un profilo sul chiacchieratissimo Pinterest. Una buona fetta dei brand ha scelto di attivare più di un profilo sullo stesso social media: il 22% ha ad esempio inserito più profili su Twitter, il 14% ha più di una pagina Facebook, il 9% ha aperto più di un canale su Youtube e infine l’8% ha scelto di essere presente su più di un blog. Se si guarda alle categoria di prodotto si scopre che Food & Beverage è il settore che riesce a ottenere più seguito sia su Facebook che su Twitter grazie alle performance di marchi come Coca Cola, Starbucks, Redbull, Mc Donald’s e Subway, ma la classifica cambia quando si parla di engagement e produzione di contenuti dove spiccano i settori Banking, Telecom e Automotive.

Leggi anche:  Agile Lab con il suo Smart Working Plus offre ai dipendenti un’esperienza da vero team di “nomadi digitali”

Dallo studio emerge che la “formula magica” per avere un contenuto coinvolgente su Facebook prevede innanzitutto di entrare in empatia con i fan, ma funzionano bene anche i messaggi aspirazionali, la creatività, l’ironia e le immagini. Infine le case history di brand come Tim, McDonald’s e Louis Vuitton dimostrano che attivare profili differenziati per paese è utile in quanto consente un servizio di ascolto di customer care, un maggiore coinvolgimento dei fan basato su interessi e valori comuni e un contatto diretto con gli influencer locali.