Gli ansiolitici per un pagamento online sicuro

Le attuali tecnologie e soprattutto le attuali possibilità offerte dagli istituti bancari rendono l’utilizzo della carta di credito più sicuro su Internet che in un negozio reale

Utilizzare la carta di credito su internet può sembrare a molti come giocare alla roulette russa. Esiste sempre una qualche forma di ansia: sono tranquillo? mi posso fidare? L’invio di dati personali in rete rappresenta da sempre un momento di vulnerabilità.

Sappiamo tutti dell’esistenza di malware in grado di intercettare il numero di carta di credito o di attività di phishing che, tramite false notificazioni e-mail, invitano l’utente a passare login e password relativi di accesso a servizi che consentono disposizioni di pagamento.

La diffidenza frena notevolmente l’utente nell’utilizzo generale delle carte di credito ed in particolare attraverso Internet dove intervengono ulteriori paure. Mancata fiducia nell’interlocutore e soprattutto mancata fiducia nel mezzo di trasmissione sono i principali fattori.

In realtà si tratta più di disinformazione che di rischi reali veri e propri. Le attuali tecnologie e soprattutto le attuali possibilità offerte dagli istituti bancari rendono l’utilizzo della carta di credito più sicuro su Internet che in un negozio reale.

Quali possono essere le precauzioni più importanti per evitare che accada il peggio? Innanzitutto fare affidamento su siti che forniscono metodi di pagamento sicuri, come VeriSign, oppure utilizzare servizi di pagamento alternativi come PayPal ( in Italia i conti PayPal aperti sono oltre 3 milioni) o Google Checkout. Importante è fare attenzione che l’indirizzo web sia del tipo https ovvero un http sicuro.

La presenza di un meccanismo di garanzia di transazione supervisionata via SSL – presente appunto quando il protocollo nell’indirizzo non è il semplice http://, ma https://, dove la s sta a significare che il protocollo di trasmissione è soggetto a un meccanismo Secure Socket Layer – è la migliore garanzia per potere effettuare un pagamento senza incorrere nel furto di identità nel momento in cui avviene lo scambio di dati inerente la transazione.

Leggi anche:  Wolters Kluwer annuncia l’evento CCH Tagetik inTouch Online 2021

Queste prime precauzioni certificano che il pagamento avviene all’interno di un criterio di sicurezza certificata. Tuttavia va detto che di per sé l’assenza di tale certificazione non necessariamente significa che il sito presenti dei rischi e quindi si debba evitare di attivare su di esso qualsiasi forma di pagamento. Quali precauzioni ulteriori prendere in considerazione?

Innanzitutto di buon senso. Ovviamente mai acquistare da un sito che viene raggiunto cliccando da un indirizzo originato da un email di chiaro sapore spam e comunque, sempre, evitare di fornire gli estremi della carta di credito tramite posta elettronica. Se poi nasce qualche sospetto riguardo all’affidabilità del servizio provare compiere una ricerca per vedere se esistono proteste da parte di altri consumatori può essere di una qualche utilità.

Ovviamente tutto queste precauzioni risultano inutili se il computer è infettato con un qualche software in grado di catturare informazioni. E’ bene quindi di dotarsi di un software di sicurezza in grado di intercettare e contrastare codice che può mettere a rischio la sicurezza del computer.

Può inoltre aiutare l’utilizzo di software specificamente dedicato alla gestione delle password. In questo caso le informazioni di login vengono gestite in forma criptata e non si devono riscrivere ogni volta che effettua l’accesso.

Ma se tutto questo si rivelasse inutile, considerate che i rischi associati a un illegittimo utilizzo della carta di credito online sono molto bassi. A questo riguardo è importante usufruire di servizio SMS che permette di conoscere – praticamente in tempo reale – ogni utilizzo della propria carta.