InfoCert porta la digitalizzazione dei processi bancari ad ABI Lab

InfoCert, il primo Ente Certificatore in Italia con tre milioni di certificati di firma digitale, trecentomila caselle di Posta Elettronica Certificata e oltre duecento milioni di documenti conservati in modalità sostitutiva, partecipa all’edizione 2010 di ABI Lab, l’appuntamento annuale dedicato all’approfondimento delle tematiche legate al ruolo dell’ICT nel settore bancario e al confronto tra i maggiori player del settore. L’edizione di quest’anno sarà dedicata in particolare alla Banca Estesa.

InfoCert ha sviluppato un’offerta di soluzioni per la completa gestione in formato elettronico dei documenti e dei processi bancari, con pieno valore legale, declinata in famiglie di prodotti e soluzioni all’avanguardia, basate su tecnologia di ultima generazione.

La partecipazione di InfoCert ad ABI Lab evidenzia oggi l’impegno dell’azienda nell’incontrare le banche con un’offerta modellata sulle loro specifiche esigenze, nel pieno rispetto delle normative che regolamentano il settore e nella consapevolezza che l’innovazione tecnologica costituisca una leva fondamentale per lo sviluppo competitivo nel nostro paese.

Proprio su questi temi sarà centrato l’intervento di Serafino D’Ignazio, Product Marketing Manager dell’azienda, dal titolo “L’approccio digitale alla gestione dei processi bancari e gli strumenti per la banca estesa”, che si terrà il 23 marzo alle ore 14.30 nell’area case study dedicata alla dematerializzazione.

Sarà l’occasione per comprendere come, e con quali strumenti, è oggi possibile garantire una gestione digitale del patrimonio informativo e dei flussi documentali nel contesto bancario, con notevoli benefici in termini di qualità del lavoro e dei servizi offerti.

Per entrare maggiormente nel concreto e toccare con mano i vantaggi della banca paperless, InfoCert sarà inoltre presente nell’area demo, in partnership con EMC.

Leggi anche:  Una banca più digitale e umana

In particolare, verrà presentata una soluzione utile alla completa dematerializzazione del flusso di richieste di servizi accessori al conto corrente che richiedano la firma da parte del richiedente di specifiche condizioni contrattuali.

Più in dettaglio, a titolo esemplificativo dei molti casi di applicazione, sarà mostrata la richiesta di una nuova carta di credito da parte del titolare di un conto corrente in possesso di un dispositivo OTP (One Time Password) rilasciato dalla banca.