In provincia di Modena parte la sperimentazione per i micro-pagamenti “contactless”

BPER e Banca CRV (appartenente al Gruppo BPER), in collaborazione con Visa Europe e Key Client Cards & Solutions, hanno avviato il progetto BperCard V PAY Contactless che, grazie alla tecnologia contactless, permetterà ai possessori della carta “Bancomat” BperCard V PAY contactless, di pagare con carta piccoli importi in meno di 1 secondo.

Per il momento il progetto è attivo come sperimentazione nel centro di Modena e nei comuni di Vignola, Spilamberto, Savignano sul Panaro e Marano sul Panaro, tutti localizzati nella fascia pedemontana della provincia di Modena.

Complessivamente saranno coinvolti 10.000 titolari di carta, che potranno effettuare gli acquisti presso 200 esercenti convenzionati nei comuni sopra elencati.

Grazie al nuovo prodotto sarà possibile acquistare, ad esempio, il giornale, un caffè o il latte semplicemente avvicinando la carta a un lettore del terminale POS, senza inserirla né digitare il codice segreto (PIN).

La tecnologia di pagamento contactless, infatti, è stata creata e resa disponibile da Visa per consentire ai titolari di carta di effettuare spese di importo fino ai 15 euro. Il pagamento è autorizzato mediante la trasmissione sicura dei dati realizzata nel momento in cui si avvicina la carta al terminale.

L’operatività del servizio è semplice e veloce. In caso di acquisti fino a 15 euro, l’esercente digita l’importo della transazione, poi il cliente avvicina BperCard V PAY Contactless al lettore e il display del terminale indica immediatamente che l’acquisto è completato.

Le transazioni oltre i 15 euro (così come i prelievi di contante) verranno invece portate a termine tramite le modalità standard di utilizzo sicuro di una carta V PAY basate sulla lettura del chip e la digitazione del codice segreto numerico (PIN).

Leggi anche:  Doppio vantaggio: come la creazione di gemelli digitali aiuta le banche

“Più del 70% di tutti i pagamenti in contanti ha un valore inferiore ai 15 euro ed è effettuato presso esercenti che tradizionalmente non accettano le carte per tali importi”, ha spiegato Davide Steffanini, Direttore Generale Visa Europe in Italia.

Una delle ragioni è che gli esercenti e i consumatori in genere considerano l’utilizzo delle carte di pagamento per le spese di piccolo importo meno veloce del pagamento in contanti.

L’introduzione della tecnologia contactless giocherà un ruolo significativo nel modificare questo scenario, assicurando agli esercenti e ai consumatori un servizio di pagamento molto più efficiente, semplice e comodo del contante.

La rapidità della transazione, che avviene in meno di 1 secondo, porta, infatti, vantaggi in termini di abbattimento dei tempi di attesa alla cassa e di miglior servizio reso alla clientela.

In aggiunta, grazie al marchio V PAY, i titolari che partecipano al progetto di Bper/CRV hanno la possibilità di effettuare pagamenti con la massima sicurezza e di godere in tutta Europa delle stesse condizioni economiche e di utilizzo di cui usufruiranno nelle loro città”.

“La partecipazione al progetto di BPER e Banca CRV conferma l’attenzione del Gruppo BPER verso l’innovazione soprattutto nei comparti, come quello della monetica, dove più è sentita l’esigenza del continuo miglioramento delle relazioni di clientela per quanto riguarda la semplicità operativa, la flessibilità e la sicurezza che sono alla base delle operazioni quotidiane dei nostri clienti”, ha spiegato Giulio Castagnoli, Direttore Divisione Retail di BPER.

“La tecnologia è quindi per noi uno strumento che consente di ridurre la complessità implicita nel funzionamento dei sistemi di pagamento a favore della massima semplicità.

Leggi anche:  CBI Globe, un salto in avanti nell’open finance

E’ questa la ragione che ha ispirato l’adesione a questo progetto, con la consapevolezza che ciò che oggi rappresenta un’innovazione, pur con modalità sperimentali, potrà rappresentare nel prossimo futuro la regola per ridurre sempre più l’uso del contante, facilitando con ciò le operazioni dei titolari ed aumentando la sicurezza degli esercenti.

La partecipazione al progetto è resa possibile anche dalla crescente esperienza maturata dalla Divisione Consumer, l’unità di business interna al Gruppo BPER creata per il presidio dei mercati del Personal Credit e della Monetica”.

“BperCard V PAY Contactless è il risultato del costante impegno nell’innovazione tecnologica dei pagamenti elettronici”, ha spiegato Evaristo Ricci, Vice Direttore Generale Key Client Cards & Solutions.

“Key Client, anche grazie alla solidità del Gruppo ICBPI, di cui fa parte, è una realtà in costante crescita e con le proprie soluzioni supporta l’intero sistema bancario, dalla piccola banca territoriale agli istituti che operano nel contesto internazionale.

Per realizzare progetti ambiziosi come “BperCard V PAY Contactless” è necessario disporre delle competenze, ma anche essere in grado di affrontare e risolvere tutte le attività tecniche, finanziarie e organizzative connesse con i pagamenti in moneta elettronica: ciò è quanto assicura Key Client, società specializzata, nel servicing issuing, nel processing, nelle carte di pagamento e nella gestione dei terminali POS ed ATM”.