Formula 1: è Hamilton a vincere la sfida delle prestazioni sul web

Compuware analizza le performance dei siti web dei piloti di Formula 1 all’indomani del Gran Premio di Monza

Non c’è corrispondenza fra l’ordine di arrivo del Gran Premio di Monza che si è disputato lo scorso week end e la classifica delle prestazioni dei siti web dei piloti.

E’ infatti il sito di Hamilton a ottenere il miglior piazzamento, mentre il ferrarista Alonso è solo ultimo, a dispetto del secondo posto ottenuto a Monza.

Compuware Corporation, the technology performance company, ha infatti analizzato le performance dei siti web dei piloti di Formula 1 tramite la propria soluzione Compuware Gomez APM per un periodo di 15 giorni, durante i quali sono stati misurati il tempo di risposta e la disponibilità effettiva dei siti web su 150.000 computer che l’azienda ha a disposizione in 170 paesi in tutto il mondo. Il tempo medio di risposta si riferisce ai secondi trascorsi dal “click” dell’utente sulla homepage fino alla sua apertura. La disponibilità è invece data dalla percentuale di test di accesso completati senza visualizzare un messaggio di errore su un totale di tentativi prova.

Secondo l’analisi, Hamilton, che domenica in pista si è piazzato nono, ha ottenuto un tempo di risposta di 3.274 secondi, seguito da Raikkonen con 3.359 secondi e da Hulkenberg, con 3.476 secondi. Il sito web di Vettel, dominatore a Monza, ha registrato un tempo di risposta superiore alla media, con 7.354 secondi. Brutte notizie per Fernando Alonso: le prestazioni del pilota ferrarista sono risultate le peggiori, con 14.128 secondi, ben al di sopra dei suoi colleghi. Solo Webber e Rosberg superano infatti i 10 secondi, rispettivamente con 11.984 e 12.021 secondi. L’altro Ferrarista, Massa, si posiziona a metà classifica, con 7.040 secondi.

Leggi anche:  WhatsApp renderà più chiara la modifica delle policy

Per quanto riguarda la disponibilità, solo Hamilton e Sutil superano il 99%, seguiti da un folto gruppo di piloti, fra cui Button, Raikkonen, Di Resta, che si attestano sul 98%. Solo Perez fa peggio di Alonso, con l’87.15% rispetto al 90.18% del pilota spagnolo.

“Abbiamo deciso di comparare le prestazioni dei siti web dei piloti di Formula 1 con il loro reale piazzamento al Gran Premio di Monza proprio per il forte legame che c’è fra questi due mondi: le prestazioni e la velocità sono fondamentali in pista così come lo sono sul web,” ha dichiarato Emanuele Cagnola, APM Sales Director di Compuware Italia. “Per questo, così come i team di Formula 1 si dedicano incessantemente al miglioramento delle prestazioni delle monoposto, anche le aziende devono lavorare per disporre di strumenti di ottimizzazione delle performance che forniscano una visibilità end-to-end e garantiscano dei tempi di risposta adeguati.”