Foxconn: stagisti di notte per costruire la PS4

In una delle filiali dell’azienda gli stagisti venivano utilizzati di notte per portare a termine la produzione di PlayStation 4: “Non succederà più”

Non finiscono i problemi per la Foxconn. Dopo le accuse di diventare quasi una “casa chiusa” dopo il termine dei lavori, l’azienda cinese ha ammesso di avere stagisti che lavorano oltre la mezzanotte in alcune fabbriche. I giovani sarebbero impegnati nella lavorazione della prossima PlayStation 4 di Sony, attesa per la fine dell’anno. Foxconn ha riferito come accetti stagisti tramite accordi con governi locali e scuole professionalidi tutta la Cina, con specifiche assicurazioni per ogni studente.

Il Programma di Tirocinio cinese

Il problema, secondo Foxconn, è che gli stagisti vengono scelti e gestiti esternamente, dagli insegnanti preposti all’accompagnamento e al monitoraggio dei gruppi. “Sebbene utilizziamo gli stagisti per effettuare i veri lavori di cui ci occupiamo, ciascuno di loro viene reclutato e supervisionato da parte delle autorità competenti come le scuole e gli insegnanti nominati a monte” – ha detto l’azienda.

Uno stagista per la PS4

Tutte le scuole partecipanti sono tenute a seguire le norme stabilite dalla Foxconn nella piena convinzione che “la partecipazione è volontaria e gli stagisti sono liberi di interrompere il loro tirocinio in qualsiasi momento e inoltre non sono autorizzati a prendere parte a lavoro straordinario o a turni di notte”. Nonostante ciò Foxconn ha ammesso alcuni casi di lavoro straordinario in una delle sue fabbriche a Yantai dove non sono state rispettate le politiche relative al lavoro extra e a turni notturni.

Leggi anche:  Verso una reale economia dell’ascolto?