Google eliminerà i link per il diritto d’oblio da fine giugno

Secondo il NYT Google inizierà a rimuovere i link ritenuti lesivi del diritto d’oblio a partire dalla fine di giugno

La massima Corte dell’Unione Europea ha imposto a Google la cancellazione dei link ritenuti dagli utenti offensivi o non necessari dal proprio motore di ricerca, il cosiddetto diritto di oblio. In sole 24 ore sono arrivate a Mountain View oltre 12mila richieste di eliminazione di risultati, arrivate poi a circa 50mila in questi giorni. Secondo il New York Times, Big G, che ha predisposto un apposito strumento per inviare le istanze di cancellazione, avvierà le procedure di rimozione entro fine giugno.

Google e il diritto d’oblio

Secondo il quotidiano statunitense il team legale di Google ha concluso le prime valutazioni sulle richieste di cancellazione dei risultati di ricerca e sta inviando le prime risposte per notificare se la propria istanza è stata accettata o meno. Non è ancora chiaro se Big G, come avviene per alcuni contenuti in Cina, segnalerà che il contenuto è stato rimosso. Inoltre, la sentenza della Corte Ue si riferisce solo ai domini europei quindi tecnicamente su google.com i link cancellati nel Vecchio Continente potrebbero essere ancora visibili.

rimi link giudicati lesivi del diritto all’oblio, come previsto dalla sentenza della Corte europea del 13 maggio scorso.
Sono oltre cinquantamila le richieste pervenute a Mountain View dal giorno della diffusione del modulo. Una marea che ha intasato la posta di Google soprattutto nei primi tre giorni. E nelle ultime ore sono giunte le prime risposte agli utenti da parte del team di legali che Google ha predisposto per portare avanti le pratiche. Per le 
di Biagio Simonetta – Il Sole 24 Ore – leggi su http://24o.it/Nu9QgA
Leggi anche:  smeup: un'intera settimana di webinar gratuiti a sostegno degli imprenditori