Google porta il free Wi-Fi a Manhattan

Mountain View porta la connessione wireless nel quartiere di Chelsea sull’isola di Manhattan a New York. L’intento è favorire le start up delle zona ribattezzata Silicon Alley

Google, che su Zeitgeist dà la possibilità agli utenti di condividere i loro propositi per il 2013, porta la conessione Wi-Fi gratuita in una delle zone di New York più ricche di start up nel campo dell’IT. Il quartiere prescelto è quello di Chelsea a Manhattan.

La Silicon Valley nella Grande Mela

Il progetto, i cui dettagli saranno discussi a un incontro a cui parteciperanno il senatore Charles Schumer e il sindaco Michael Bloomberg, è volto non solo a fornire una connessione libera ai residenti ma anche a favorire la crescita delle numerose start up che si sono insediate nella zona per creare una Silicon Alley. L’area diventerà la più grande di New York dotata di free Wi-Fi e si estenderà da Gansevoort Street alla 19esima strada, dalla 8th Avenue alla West Side Highway, includendo il Chelsea Triangle, 14th Street Park e Gansevoort Plaza. Già nel giugno scorso Google, che è tornato censurato in Cina, aveva intrapreso un’iniziativa simile a Manhattan installando circa 200 hotspot in collaborazione con Boingo. Alla scadenza della collaborazione le antenne sono passate sotto la gestione di Microsoft, il cui nuovo AD italiano è Carlo Purassanta.

Altri progetti

A settembre dell’anno scorso Google, che continua lo sviluppo dei suoi occhiali per la realtà aumentata, ha iniziato a portare oltre 4.000 punti d’accesso Wi-Fi gratuiti in tutti gli Stati Uniti. Il problema del digital divide negli USA è praticamente superato mentre in Italia è ancora pressante. 3 Italia sta cercando di risolvere la questione portando il 4G LTE a partire dai piccoli centri urbani.

Leggi anche:  PNRR, un’opportunità da non perdere per accelerare la modernizzazione della Pubblica Amministrazione