I social media preferiti dalle aziende italiane

Secondo un recente report di Casaleggio Associati i social media ritenuti più efficaci dalle aziende per la promozione del proprio brand o per sostenere le vendite sono Facebook, YouTube, Twitter e Google+, con una netta preferenza per il primo.

Facebook è ritenuto “molto efficace” dal 23% delle aziende, e “abbastanza efficace” dal 42%. Youtube è considerato efficace complessivamente dal 31% delle aziende, Twitter e Google+ dal 26%.

Molte aziende italiane oggi gestiscono un proprio canale YouTube, in cui vengono pubblicati i propri spot pubblicitari, video che supportano operazioni promozionali e altri contenuti multimediali.

Un’importanza inferiore viene attribuita a Linkedin (10% tra chi lo considera “molto” o “abbastanza efficace”), mentre decisamente marginali risultano social media come Flickr (dedicato al photo sharing) e Foursquare (che si basa sulla geolocalizzazione degli utenti), entrambi ritenuti efficaci solo dal 4% delle aziende. Infine, Pinterest sta ricevendo un interesse crescente, seppure ancora in termini di sperimentazione, per la presentazione di immagini e fotografie commentate dei prodotti offerti.

Per quanto riguarda gli obiettivi che le aziende intendono raggiungere attraverso la propria presenza sui social media, assume particolare importanza la diffusione del passaparola on line, attraverso la condivisione di contenuti. Il 72,1% delle aziende e-commerce italiane è presente sui social media.

Il 59% utilizza i social media come canale di comunicazione e promozione, creando offerte dedicate ai fan, concorsi e pubblicando video.

Complessivamente il 54,6% delle aziende ha una forma di integrazione tra il proprio store on line e i social media:

– il 25,8% dichiara di avere integrato all’interno del proprio store alcune funzionalità come il “Mi piace” di Facebook, il social login e l’utilizzo dell’Open Graph

Leggi anche:  Le ricerche online più frequenti fatte dai bambini tra dicembre e gennaio

– il 24,9% ha inserito sulla propria brand page di Facebook parte del proprio catalogo prodotti

– il 3,9% permette agli utenti di creare contenuti nello store tramite i social media (per esempio scrivere commenti e recensioni sui prodotti, o pubblicare foto su Flickr mentre utilizzano il prodotto acquistato)

Il 13,9 % delle aziende ad oggi non opera alcuna integrazione tra i social network e il proprio sito e-commerce.

Nel mondo oltre 2,5 milioni di siti hanno integrato Facebook. Facebook può essere utilizzato come piattaforma per facilitare ed eseguire transazioni di vendita, sia interne a Facebook che esterne, per esempio tramite Open Graph. Il cosiddetto “Facebook Commerce”, ovvero la vendita di prodotti attraverso Facebook, è una forma di social commerce basato sull’interazione degli utenti tramite social media e sulle informazioni che essi stessi condividono e rendono disponibili, e che possono essere utilizzate per guidare il processo di acquisto.

I dati emergono dal report E-commerce in Italia 2012, a cura di Casaleggio Associati