IBM: se il mobile incontra il supercomputer nel cloud

La CEO Virginia “Ginni” Rometty al MWC di Barcellona

Metti un supercomputer insieme con un big bang di dati, portali sulla “nuvola” e accedi nel modo più diffuso e universale, quello mobile e avrai la strategia di Big Blue. All’insegna di “Data – Cloud – Engagement”, viste come tre entità inseparabili, Virginia Rometty fresca CEO di un’IBM che in pochi mesi ha compiuto una serie di passi “pesanti” ha presentato il nuovo volto dell’azienda al Mobile World Congress a Barcellona. Un’azienda che in poco più di cento giorni ha annunciato 1,2 miliardi di dollari di investimenti nel cloud, ha fatto tre acquisizioni che hanno il loro perno nella mobilità e promette di far leva su Watson, anche a vantaggio dei suoi partner, per dare spazio ad un nuovo mondo di applicazioni.

“Tramite i Big Data”, ha spiegato Rometty, “è possibile generare informazioni e quindi conoscenza. Si tratta di un vantaggio competitivo che andrà ad amplificarsi sempre di più in futuro grazie al Cloud, e sarà il vero fattore discriminante tra aziende di successo e le altre”. E il Cloud Computing, è ormai tutt’altro che un’opzione. Piuttosto, “diverrà lo standard di tutti i giorni nel giro di qualche anno. Entro il 2016 un quarto di tutte le App verranno create per e sul cloud; nel 2017, inoltre, metà delle aziende saranno ibride”.

Cedute le tecnologie “commodities” a Lenovo, prima i pc e ora i server x86, IBM punta su ciò che “fa la differenza”, come il sistema di supercomputing cognitivo Watson, ed ecco la sorpresa: un concorso che nei prossimi mesi premierà gli sviluppatori che, utilizzando questa tecnologia, metteranno a punto applicazioni orientate per l’appunto a big data e cloud. “What will you do with Watson?” Non solo una domanda ma una vera sfida che il CEO Rometty lancia alla platea del Keynote al MWC: “Big Blue” si impegnerà a selezionare alcuni progetti innovativi per concedere l’accesso alla potenza di calcolo di Watson nella fase di progettazione e sviluppo degli stessi. Le possibilità d’impiego future di Watson, afferma la CEO, “sono infinite. Ad esempio analisi di patologie complesse incrociando migliaia e più cartelle cliniche e fornendo la soluzione di intervento migliore nel giro di pochi istanti”.

Leggi anche:  Seeweb, i vantaggi di Cloud Server GPU

La sicurezza rimane uno dei freni principali ad uno sviluppo ancora più esteso del cloud. Eppure, spiega Rometty, strumenti analitici, come quelli sviluppati da IBM, sono in grado di prevedere con una certa attendibilità eventi e numeri del futuro, da cui potranno nascere azioni preventive o correttive. Strumenti analitici che il più delle volte ormai, girano proprio nella “nuvola”. Cloud quindi come problema, secondo alcuni, ma anche come soluzione al problema stesso in fin dei conti. E garantendo maggiore sicurezza ne beneficeranno anche tutte le attività in ambito “Mobile”. Solo così facendo si può creare “Engagement” coi propri clienti/utenti.

A proposito di Mobile, non c’è dubbio che questa sia anche la porta del mondo enterprise, negli ultimi tre mesi del 2013 IBM aveva portato a termine una serie di acquisizioni che vanno a rimarcare questo ambito. Fiberlink prima, poi Aspera (tecnologie per il trasferimento di dati) e The Now Factory (Big Data Analytics sulle reti mobili) ed infine Xtifiy (notifiche push e la messaggistica, sempre su reti mobili). La quadratura del cerchio è fatta.