Indra guida il progetto europeo Decumanus

La multinazionale coordina l’attività di Ricerca & Sviluppo di 11 aziende di 8 paesi per sviluppare nuovi servizi di informazione geospaziale. Anversa, Helsinki, Londra, Madrid e Milano parteciperanno in qualità di utenti finali all’iniziativa promossa dalla Commissione Europea

Indra guida il progetto europeo di Ricerca & Sviluppo Decumanus rivolto a sviluppare nuovi servizi di intelligenza geospaziale che supportino lo sviluppo urbano e il miglioramento sulla qualità della vita nelle città. Questi servizi daranno informazioni sulle diverse variabili collegate al clima, all’uso del terreno, all’efficienza energetica e agli aspetti sanitari in ogni zona della città.

Undici aziende e organismi di 8 paesi, coordinati da Indra, lavoreranno per due anni e mezzo a questa iniziativa promossa dalla Commissione Europea all’interno del 7° Programma Quadro. L’obiettivo finale è mettere a disposizione di autorità ed esperti in pianificazione strumenti avanzati che aiutino a definire le strategie di sviluppo urbano.

Per adattare questi servizi geospaziali ai bisogni delle differenti città, che fanno fronte a problemi e sfide diverse, il consorzio conterà sulla partecipazione delle città di Anversa, Helsinki, Londra (Kensington e Chelsea), Madrid e Milano come utenti finali.

Decumanus comprenderà quattro tipi di servizi principali. Il primo è rivolto a offrire dati climatici della città, che permetteranno di adattare lo sviluppo urbano a questa realtà. Il secondo tipo di servizio permetterà l’analisi del monitoraggio esatto del terreno, un aspetto che influisce in modo diretto sulla temperatura e sul clima nelle diverse zone.

Questi due servizi si completano con lo sviluppo degli strumenti che forniscono l’informazione georeferenziata sull’efficienza energetica nelle diverse aree. Si potranno individuare i luoghi con le più alte emissioni di CO2, le zone in cui si consuma più energia a causa di un’eccessiva illuminazione e gli edifici che fanno cattivo uso degli impianti di condizionamento dell’aria.

Leggi anche:  Lenovo presenta gli occhiali AR ThinkReality A3 per le aziende

Un ultimo gruppo di servizi fornirà informazioni sanitarie, permettendo ad esempio di conoscere l’influenza della crescita urbana, del clima e della qualità dell’aria sul livello di vita dei cittadini. Contribuiranno a stimare anche l’impatto delle ondate di caldo e l’inquinamento sulle diverse fasce d’età, persone con allergie e problemi respiratori o cardiovascolari.

Con questo progetto, si dà continuità a diverse iniziative di Ricerca & Sviluppo portate a termine negli ultimi anni nell’ambito europeo, rivolte a sfruttare l’informazione raccolta oggigiorno dai satelliti di osservazione della Terra e da altri sensori.

Tra queste iniziative emerge Copernicus, il programma di osservazione della Terra più ambizioso promosso dalla Commissione Europea e al quale Indra ha partecipato definendo i prodotti urbani, di sicurezza ed emergenze e uso del terreno. Per questo stesso programma, Indra ha fornito molte soluzioni applicative, come il Modello Digitale del Terreno, Idrografico (corsi e specchi d’acqua) e dei pascoli; è stata inoltre selezionata per processare e archiviare i dati dei satelliti Sentinel 2. (Progetti GMES Urban Services, BOSS4GMES, GEOLAND2, SAFER, G-MOSAIC, G-NEXT, Initial GMES Service for Geospatial Reference Data Access, GIO-Land e GIO-Emergency).

Il progetto prende in prestito il suo nome dal termine romano “Decumanus” con il quale i romani indicavano una via orientata verso est-ovest attorno cui si organizzavano le città e gli insediamenti, e che serviva per collegare le porte principali della città.