Le aziende cercano nuove figure in ambito mainframe

Secondo una ricerca Compuware, due terzi dei CIO sono preoccupati per la mancanza di nuove risorse in ambito mainframe, l’assenza di competenze colpirà il business

Compuware Corporation ha annunciato i risultati di una ricerca condotta sui CIO realizzata a livello mondiale, sull’utilizzo del mainframe nel panorama aziendale. Dalla ricerca emerge che la carenza imminente di competenze in ambito mainframe è uno scenario che preoccupa i CIO, per le effettive potenzialità dell’impresa di supportare, in futuro, le nuove applicazioni e adeguarsi ai rapidi cambiamenti del business. Inoltre, Compuware ha rilevato un lieve aumento, rispetto all’ultima indagine (2011), del numero di aziende che hanno disposto un piano di crisi per affrontare l’emergenza.

La ricerca ha evidenziato come le piattaforme tecnologiche, anche le più recenti, come il cloud, devono superare alcune resistenze prima di inserirsi nei processi aziendali, mentre la maggioranza dei CIO (81%) crede che il mainframe resterà un fattore chiave di business asset anche nel prossimo decennio. Sebbene il mainframe confermi la sua importanza, il 66% dei CIO teme che l’imminente ritiro di una parte consistenze dei lavoratori specializzati nel mainframe colpirà il business perché ridurrà le competenze dell’azienda nel supportare le applicazioni ereditate. Le preoccupazioni riguardanti la mancanza di nuove risorse in ambito mainframe rimangono costanti: aumento dei rischi legati alle applicazioni (61%); riduzione della produttività (61%) e un aumento dei ritardi nelle esecuzioni dei progetti (56%) sono in cima alla lista delle loro preoccupazioni. Nonostante ciò, si registrano piccoli progressi per attutire la transizione. Quasi la metà (40%) dei CIO non ha ancora elaborato un piano di crisi per far fronte ai rischi generati dalla mancanza di competenze in ambito mainframe. La preparazione delle aziende è aumentata di poco rispetto ai livelli del 2011, quando il 46% dei CIO ammise di essere impreparato alla carenza di professionalità.

Leggi anche:  Torna il TechJobsDay, il career day online di riferimento per il settore informatico

“Le applicazioni mainframe sono state aggiornate e potenziate più volte nel corso degli ultimi 30 anni, le modifiche hanno aumentato le complessità in fase di gestione”, ha dichiarato Kris Manery, Senior Vice President and General Manager, Mainframe Solution Business Unit, Compuware. “Mentre gli sviluppatori mainframe più esperti hanno familiarità con questi sistemi, la nuova generazione di sviluppatori può aver bisogno anche di un paio di anni prima di cominciare. Nel momento in cui la maggioranza degli addetti mainframe si avvicina alla pensione, i manager devono decidere in fretta a chi affidare questo incarico e definire un piano concreto che faciliti la transizione. Ad esempio, modernizzando l’ambiente di sviluppo del mainframe e abilitando l’utilizzo di strumenti di sviluppo e controllo – in grado di eseguire un’analisi approfondita sul funzionamento di queste applicazioni, i manager hanno la possibilità di aiutare gli sviluppatori con meno esperienza a migliorare in fretta, riducendo i rischi di fallimenti legati all’applicazione”.

Secondo un recente studio sull’utilizzo del mainframe, la maggioranza dei CIO (89%) sostiene di aver aumentato sensibilmente il carico di lavoro rispetto a cinque anni fa. Anche se le aspettative sulle performance del mainframe sono sempre state alte, il risultato è che il 91% dei CIO crede che questo sia il momento di maggior pressione perché il mainframe è sempre più coinvolto nell’implementazione di applicazioni progettate in funzione degli obiettivi del cliente. A fronte delle crescenti aspettative, una recente ricerca di Compuware ha scoperto che il 55% dei CIO sostiene che il team addetto al mainframe fatica a tenere il ritmo dei continui cambiamenti del business. Ancora una volta, lo scenario è molto simile a quello registrato nel 2011 (56%).

Leggi anche:  Capgemini e SDA Bocconi formano i nuovi professionisti della digital transformation

“L’aumento delle complessità nell’IT, la maggiore pressione sul mainframe e la possibile mancanza di competenze sono fattori che accrescono il rischio di fallimenti dell’IT”, ha proseguito Manery. “L’introduzione del mobile e del cloud, con l’esplosione di nuove applicazioni front-end, device e data service, costringono le applicazioni mainframe a un duro lavoro. Anche se rappresenta un passo fondamentale per il business, questo cambiamento porta con sé molte sfide per le aziende a cui occorrono le necessarie competenze per la gestione delle applicazioni mainframe in grado di soddisfare le nuove esigenze del clienti. Nel mondo di oggi, connesso 24/7, i manager devono possedere le conoscenze e gli strumenti necessari per offrire servizi innovativi e un sistema IT efficiente e aggiornato”.

Le soluzioni mainframe di Compuware

Le soluzioni mainframe di Compuware aiutano le maggiori organizzazioni a massimizzare il Developer Productivity, minimizzando i costi e offrendo un servizio migliore. Le soluzioni sono disponibili all’interno del Compuware Workbench, un ambiente di sviluppo aperto che dispone di un’interfaccia grafica intuitiva e di facile utilizzo per l’utente. Il Workbench rende più veloci e semplici le normali attività mainframe per l’utente esperto ma anche per l’utente al primo approccio con il mainframe, consentendo alle aziende di sviluppare nuovi servizi in modo più veloce ed efficiente, con maggiore qualità, utilizzando le risorse esistenti.