“Mobile Finance”: 4 milioni i correntisti da cellulare!

Oltre 119 milioni di Sms inviati, +44% rispetto al primo semestre 2010. Cresce il numero dei “correntisti mobile” (+10%), quasi 4 milioni gli utenti complessivi, che ricevono mediamente 5 SMS al mese dalla propria banca

Ubiquity, azienda che opera nel mercato dei new media nella progettazione e realizzazione di strategie digitali multicanale, ha pubblicato il Rapporto sui servizi Sms di “mobile finance” in Italia relativo al Primo Semestre 2011.

Il Rapporto si basa sul monitoraggio dei volumi generati dai servizi di messaggistica Sms offerti dalle 17 più importanti banche Italiane, un punto di osservazione privilegiato per tracciare statisticamente i trend in atto nell’adozione dei servizi mobile legati a conti correnti, carte di pagamento e non solo, da parte della popolazione italiana. Un punto di osservazione adottato da Ubiquity a fronte della sua storica posizione di leadership in Italia nella gestione dei servizi di messaggistica quali gli “Alert Sms” per i correntisti gestiti per conto di primari istituti di credito (es. Intesa Sanpaolo, Unicredit, Fineco, BancoPosta, …).

Secondo il rapporto, nel Primo Semestre 2011 il volume di Sms inviati dal campione di banche Italiane monitorato, sia gratuiti che a pagamento per il consumatore (i cosiddetti servizi di messaggistica premium “etici”), è stato pari a 119,4 milioni di Sms, in crescita di circa il 44% rispetto al Primo Semestre 2010.

Un altro dato degno di nota è che il numero di correntisti che fruiscono dei servizi Sms di Mobile Banking e che ricevono comunicazioni Sms dalle banche in Italia è cresciuto del 10% tra Gennaio e Giugno 2011 raggiungendo i 3,9 milioni di utenti (circa il 13% dei clienti bancari in Italia). I “correntisti mobile” – secondo il Rapporto – ricevono mediamente 5 Sms al mese dalla propria banca.

Leggi anche:  Ecobonus 110%: nasce il primo mercato digitale per lo scambio di crediti fiscali

L’analisi evidenzia il dominio numerico dei servizi Sms legati a carte di pagamento, che rappresentano il 69% dei volumi generati. Nel Primo Semestre 2011 si conferma il trend positivo relativo alle notifiche di Conto corrente: tale tipologia di notifiche Sms ha raggiunto il 19% dei volumi del periodo grazie ad una crescita del 62% rispetto al Primo Semestre 2010. Gli incrementi più significativi del periodo sono relativi ai servizi Sms di trading, pari a +85%, e i servizi Sms legati alla sicurezza del proprio conto corrente online, pari a +82%, dinamiche da attribuire nel primo caso alle notifiche informative su titoli, borsa e valute, nel secondo alla crescita organica dei correntisti internet (raggiunti i 10 milioni di utenti pari al 34% dei clienti bancari – ABI e GfK Eurisko, Aprile 2011) e al crescente ruolo del mobile nelle soluzioni di sicurezza multicanale.

L’analisi semestrale sulle tipologie di interazioni e sulle modalità di erogazione dei servizi Sms continuano ad evidenziare la natura predominante dei servizi di notifica Push legati ad eventi e una crescita dei servizi di natura informativa legati a Conto corrente, trading e marketing.

Dario Calogero, CEO di Ubiquity, ha affermato: “Quasi 4 milioni di clienti dialogano e ricevono servizi via sms dalla propria Banca. E’ finalmente un canale di comunicazione consolidato che può essere efficacemente sfruttato per la proposta di nuovi servizi”.

Alex Milani, Business Manager Ubiquity Mobile, ha concluso: “E’ quindi il momento per il sistema Bancario di integrare i servizi sms con le App di Mobile Banking, sfruttando l’opportunità di coniugare la logica push degli SMS con quella pull delle applicazioni. L’unione dei due canali può dare l’avvio allo sviluppo di nuove funzionalità grazie alla maggiore sicurezza data dalla combinazione dei due servizi su mobile”.

Leggi anche:  Finom cresce in Italia e sbarca in Germania con il banking