Ai Mondiali Symantec gioca in difesa contro le minacce alla sicurezza degli smartphone

Le squadre e i tifosi di 32 nazioni si stanno dirigendo in Sudafrica a meno di una settimana dal calcio d’inizio dei Mondiali 2010 e i cyber criminali aspettano al varco gli incauti supporter.

Secondo Symantec, molti tifosi useranno i loro dispositivi mobili per comunicare in tempo reale, ricevere notizie e registrare le loro esperienze. “Gli attuali smartphone” ha commentato Candid Wüest di Symantec, “sono vulnerabili ad attività malevole come il phishing, i siti web fraudolenti e perfino i drive-by download, dove i codici maliziosi come i Trojan possono compromettere i dispositivi”.

Ad oggi, sono state identificate circa 400 minacce che gravano su tutte le piattaforme mobile, e anche se il numero può apparire piccolo paragonato ai 4 milioni che mettono a rischio le piattaforme PC, i pericoli per gli utenti sono reali.

Il più grande rischio per i tifosi è perdere il cellulare. Tutti i principali telefonini che forniscono l’accesso ad Internet contengono significative quantità di informazioni commerciali e personali a cui, se il dispositivo viene perso o rubato, possono avere facile accesso i criminali”.

Anche se alcuni smartphone offrono una protezione crittografata, questa può essere facilmente bypassata. Symantec consiglia ai supporter di effettuare il back up di fotografie e video su un PC o un’infrastruttura storage online, come Google, il più presto possibile.

Le aree di accesso alle connessioni Wi-fi sono molto diffuse in Sudafrica, ma i tifosi dovrebbero assicurarsi che siano valide. Inoltre, sarebbe meglio prestare attenzione quando si usano social network come Twitter e Facebook, perché i criminali spesso li sfruttano per verificare quando le persone sono assenti da casa. Trovare la propria abitazione svuotata al ritorno dai Mondiali, connoterebbe sicuramente l’esperienza in maniera negativa.

Leggi anche:  Nuova minaccia in Italia: il nordcoreano BLINDINGCAN scala la classifica dei malware più pericolosi

Symantec ha pertanto stilato una guida con alcuni consigli, che i supporter possono seguire per assicurarsi che i propri smartphone siano protetti dal cyber crimine:

– Non lasciare mai il telefono incustodito. I cellulari sono molto richiesti in Sudafrica e il rischio di furto è reale e le conseguenze della perdita dei dati possono essere gravi;

– Effettuare il backup di tutti i dati, ad esempio foto e video su un PC o un’altra infrastruttura storage il prima possibile;

– Cancellare immediatamente messaggi non richiesti o sospetti;

– Quando si naviga online, visitare siti legittimi o che si conosce;

– Fare attenzione alle informazioni personali che si pubblicano sui social network come Facebook e Twitter;

– Utilizzare password intelligenti, sia per il cellulare che per qualsiasi altro servizio a cui ci si può loggare;

Seguire queste linee guida potrebbe essere la chiave per un soggiorno senza inconvenienti in Sudafrica per i Mondiali.

Per ulteriori informazioni sulle truffe online relative ai Mondiali 2010, è possibile visitare il sito: http://www.2010netthreat.com/.