Nanotecnologie, guarire le ustioni con un gel

Potrebbe essere in grado di guarire ustioni di secondo e terzo grado, il nanogel sviluppato a Singapore dall’Agency for Science, Technology and Research’s (A*STAR’s) Institute of Bioengineering and Nanotechnology (IBN).

Nei casi di ferite profonde da ustione di livello significativo, il lungo periodo di cicatrizzazione comporta sempre un alto rischio che si sviluppino infezioni.

Processo di guarigione accelerato

Esistono sul mercato diversi prodotti per dare sollievo e ridurre il dolore legato al periodo di guarigione, ma non esisteva ancora nulla fino ad ora che fosse in grado di accelerare il processo di ripristino dei tessuti attraverso al cicatrizzazione.

Questo farmaco presenta brevi sequenze di amminoacidi che si autoassemblano con l’aggiunta di acqua, formando le nanofibre che costituiscono questo gel, non tossico.

Il gel fibroso e ricco di umidità crea una sorta di impalcatura di sostegno per le cellule della pelle, favorendone la ricrescita e rigenerazione. E i risultati dei test sono stati sorprendenti: quasi il 100% delle ferite sono guarite in due settimane.
Il prodotto, a quanto dicono gli studiosi, potrebbe essere distribuito sotto forma di cerotto, spray, crema o anche polvere, a cui andrebbe aggiunta solo dell’acqua.

Leggi anche:  Dassault Systèmes aderisce alla European Green Digital Coalition come membro fondatore