Ragosa in pole position per l’Agenda Digitale

La Rete difficilmente sbaglia, da qualche ora dopo il post di Daniele Lepido si moltiplicano i tweet e i post relativi alla notizia del giorno

Nonostante il previsto Consiglio dei Ministri odierno si sia chiuso senza nomine ufficiali, sembrerebbe che Agostino Ragosa abbia battuto i 100 manager che hanno presentato la candidatura e sia il nuovo direttore dell’Agenzia per l’Italia digitale. La nomina dovrebbe essere ratificata nel prossimo Cdm in calendario per martedì prossimo.

Nato nel 1950 a Salerno, laureato in Ingegneria Elettronica e Telecomunicazioni presso il Politecnico di Napoli. Dal 2004 e fino a pochi mesi fa cio di Poste Italiane. Dal 1994 al 2003 è in Telecom Italia dove assume incarichi nella direzione servizi della clientela retail, business integration, direzione della Società Learning Services. Agostino Ragosa è stato consigliere di amministrazione in Telespazio, in Telesoft e in Atesia.

Il mood della Rete indica una certa delusione per l’età non certo giovane e per lo sbilanciamento verso le TLC come competenze primarie, tuttavia non si può dimenticare la radicale trasformazione che sotto la sua guida hanno avuto i sistemi informativi di Poste. Il profondo rinnovamento che ha coinvolto Poste Italiane nell’ultimo decennio ha portato l’azienda a un innalzamento della qualità dei servizi e a un ampliamento della gamma dell’offerta. Questa visione strategica, accompagnata da un programma di investimenti per tecnologie e infrastrutture, ha permesso all’azienda di collocarsi ai primi posti tra i grandi operatori postali d’Europa.

In attesa della conferma ufficiale, mi piacerebbe sapere, chi erano i 100 candidati? Chi ha deciso? Quali sono stati i criteri per la scelta?

Solo rispondendo a queste domande ci sarà stata vera trasparenza.

Leggi anche:  Come le donne che lavorano nel settore della tecnologia possono sconfiggere la “sindrome dell’impostore”