Da Progress Software la nuova suite di Responsive Process Management

Progress Software Corporation, tra i principali fornitori di soluzioni software in grado di consentire alle aziende una “Reattività Operativa” per poter reagire prontamente agli eventi, annuncia il lancio della suite Progress Responsive Process Management (RPM), una soluzione business di prossima generazione che permette alle imprese di eseguire performance aziendali più elevate rispetto al passato.

La suite Progress RPM, che raggruppa le funzioni di Business Event Processing (BEP) e di Business Process Management (BPM) su un’unica piattaforma, sarà disponibile verso fine aprile. Il valore di mercato per questo tipo di soluzione si attesta sopra i 10 miliardi di dollari [secondo le stime IDC] e Progress Software è l’unica azienda oggi a essere in grado di proporla sul mercato.

La suite RPM di Progress presenta funzionalità chiave che permettono un costante miglioramento del business attraverso tre modalità specifiche:

• la suite RPM di Progress è una piattaforma umano-centrica che fornisce agli utenti business visibilità in tempo reale dei sistemi e dei processi aziendali, tra cui i processi legacy dentro e fuori l’azienda.

• la suite RPM di Progress comprende funzioni avanzate di modeling e automazione dei processi aziendali. Ciò permette agli utenti di migliorare continuamente i processi di business in essere e di implementarne rapidamente di nuovi, senza interrompere i sistemi esistenti.

• la suite RPM di Progress tiene continuamente sotto controllo i milioni di eventi che potrebbero influenzare l’attività di business, al fine di individuare dei modelli, oltre che prevedere le opportunità e i rischi. La suite è in grado di reagire all’istante e fornire una risposta automatica, avviando un processo di business già in esecuzione o lanciandone uno nuovo. Inoltre, può anche semplicemente segnalare all’utente la necessità di agire.

Maureen Fleming
, Program Director Business Process Management and Middleware Research Service di IDC ha dichiarato: “Negli ultimi due anni, i più grandi investimenti in software sono stati realizzati dalle aziende per potenziare la loro consapevolezza situazionale”.

Leggi anche:  TIBCO4Good: sempre maggiore l’impatto globale con l’espansione del progetto e nuovi programmi

Ne consegue che il prossimo passo sarà quello di ottenere la visibilità sui problemi o le opportunità e, soprattutto, di rispondere rapidamente. Le aziende cercheranno sempre più partner che sappiano offrire competenze e un approccio completo volto alla costruzione di questa nuova generazione di applicazioni business-critical.”

Tutte le funzioni sono gestite tramite Progress Control Tower, un ambiente unificato in grado di fornire segnalazioni in tempo reale, interfacce e strumenti interattivi. Control Tower offre ai responsabili aziendali la possibilità di visualizzare ciò che sta accadendo all’interno dell’impresa e di modificarlo da un’unica postazione.

L’infrastruttura, ricca di funzioni e interattiva, è completamente configurabile e in grado di fornire numerosi indicatori di prestazione (KPI) e dati aziendali. Un ambiente di modeling avanzato consente di creare, modellare, monitorare, controllare e migliorare i nuovi processi aziendali in maniera dinamica.

Richard D. Reidy, Presidente e CEO di Progress Software, ha dichiarato: “Siamo davvero entusiasti di lanciare la suite Progress Responsive Process Management. Una ricerca indipendente, i risultati delle analisi di settore e i feedback dei clienti dimostrano chiaramente l’esigenza di una soluzione che aiuti le aziende a diventare più reattive dal punto di vista operativo.

Allo stesso modo, i responsabili dei processi e di linee di business devono acquisire una visione più chiara delle loro operazioni e attività. Hanno la necessita’ di aumentare le entrate e massimizzare i profitti, essere più competitivi, efficienti e prevenire le perdite, individuando i rischi prima che generino dei seri problemi. Per raggiungere tale obiettivo, è necessario poter prevedere e reagire a ciò che accadrà, non solo a ciò che è già successo. La suite RPM offre tutto quello di cui ogni responsabile aziendale ha bisogno, ovvero avere il controllo totale sulle proprie attività di business”.

Leggi anche:  Zucchetti: la rivoluzione green a portata del manufacturing

Dr. John Bates, Chief Technology Officer e Senior Vice President Corporate Development and Strategy di Progress Software, ha affermato: “Le aziende si stanno allontanando dalle applicazioni pacchettizzate, le cui funzioni sono prevalentemente statiche. Ciò significa che non sono in grado di adattarsi velocemente alle trasformazioni degli ambienti aziendali.

La suite RPM permette alle aziende di avvalersi di applicazioni dinamiche che si adattano ai mutamenti delle situazioni di business. Con Progress Control Tower, le imprese e gli utenti IT possono costruire e migliorare i processi di risposta e creare dashboard e segnalazioni personalizzate per comprendere e gestire le condizioni di business in tempo reale.”

Tra i mercati che utilizzano applicazioni aziendali dinamiche vi è il settore dei servizi finanziari e, in particolare, del trading ad alta frequenza, della sorveglianza e della gestione del rischio, della conformità alle normative e della prevenzione delle frodi; il settore delle telecomunicazioni con la gestione reattiva degli utili e i servizi location-based, il settore dei trasporti con linee aeree all’avanguardia e della logistica con servizi track-and-trace in tempo reale.

Gli “acceleratori” della soluzione di Progress sono parte integrante della suite RPM di Progress. Si tratta di applicazioni dinamiche predefinite, specifiche del settore, che ampliano il core della suite RPM di Progress. Questi permettono agli utenti di definire i loro processi aziendali basati su pratiche best-in-class.

Dr. John Bates ha commentato: “Il time-to-market dei nuovi servizi e applicazioni è un requisito fondamentale per la competitività. Gli “acceleratori” della soluzione RPM di Progress riducono notevolmente il time-to-market delle principali soluzioni e aumentano ulteriormente la capacità delle aziende di potenziare le loro prestazioni aziendali”.