Ferrari e Microsoft annunciano una sinergia per il supercalcolo ad alte prestazioni


Ferrari e Microsoft annunciano una sinergia per il supercalcolo ad alte prestazioni

Il nuovo sistema Microsoft HPC Server 2008 è pronto a rivoluzionare la
progettazione e l’ingegneria automobilistica dell’azienda di Maranello.
La Scuderia Ferrari è una delle prime aziende che testerà il nuovo
sistema operativo ad alte prestazioni di Microsoft: Windows HPC Server 2008.
Ampiamente sostenuta da partner e clienti del settore, Microsoft dimostrerà
la forte influenza dell’High-Performance Computing nell’industria
automobilistica.

La nuova versione
Windows HPC Server 2008 è uno strumento che permette alle aziende di
ottimizzare l’efficienza dei sistemi IT, analizzare al meglio i rischi
e fornire strumenti concreti per la crescita. Grazie a una stretta collaborazione,
Microsoft e Ferrari hanno sviluppato una soluzione ad alte prestazioni per uno
dei settori più competitivi del mercato mondiale: Windows HPC Server
2008 ha ridotto drasticamente i tempi di implementazione, migliorando la capacità
delle aziende di immettere nuovi prodotti sul mercato.

“La Ferrari
è sempre alla ricerca di soluzioni tecnologiche più avanzate e,
naturalmente, lo stesso vale per il software e l’ingegneria”, ha
affermato Piergiorgio
Grossi, IT Manager Ferrari Gestione Sportiva. “Il nostro obiettivo
è quello di testare costantemente nuove tecnologie che possano garantirci
un vantaggio competitivo. Windows HPC Server 2008 ci ha mostrato delle ottime
premesse e la lunga collaborazione con Ferrari contribuirà a sviluppare
una piattaforma informatica veloce, familiare e ad alte prestazioni per i nostri
utenti, ingegneri e amministratori”.

“Le aziende
devono essere più efficienti che mai nel gestire le risorse IT e al contempo
mantenere la propria posizione in un mercato altamente competitivo”, ha
dichiarato Chris Philips, General Manager del gruppo Windows Server and Solutions
di Microsoft. “Hanno bisogno di soluzioni HPC veloci da implementare,
che si integrino in ambienti eterogenei e che consentano di passare da workstation
a cluster”.

Leggi anche:  Chi ha paura dell'iper-automazione?

“Il lancio
di Windows HPC Server 2008 è un altro passo avanti chiave nella nostra
strategia di diffusione dei sistemi di supercalcolo”, ha sottolineato
Bill Laing, Corporate Vice President del gruppo Windows Server and Solutions
di Microsoft.

Grazie a Windows
HPC Server 2008, il settore automobilistico potrà beneficiare di tutte
le caratteristiche legate ai sistemi di High-Performance Computing, e tutto
questo si concretizzerà in miglioramenti strutturali legati a:

• Rapidità
di inserimento nel mercato
• Previsione e prevenzione dei difetti
• Miglioramento della collaborazione
• Automatizzazione dei precedenti sistemi complessi ed arcani
• Raccolta di informazioni in tempo reale dai veicoli in strada

Lo sviluppo di
Windows HPC Server 2008 significa che il supercalcolo sarà a breve disponibile
per gli ingegneri e i progettisti di automobili sotto forma di programmi per
computer portatili. L’industria automobilistica inizierà un periodo
di profonda trasformazione, dove le funzionalità di High-Performance
Computing affiancheranno coloro che innovano e testano i veicoli per i consumatori,
anziché trovarsi relegate in vaste operazioni centralizzate, costose
e dispendiose in termini di tempo eseguite in una sala computer.

Microsoft fornirà
le soluzioni HPC alle aziende e agli istituti europei più importanti
del settore automobilistico, petrolifero, finanziario e accademico, e avvierà
partnership con i principali provider nell’ambito del supercomputing,
quali Advanced Micro Devices Inc, Cray Inc, Dell e HP.

La richiesta crescente
di soluzioni di supercalcolo è legata alla necessità delle aziende
di potersi dotare di sistemi che forniscono maggiori prestazioni nei processori
per nodo di calcolo, basso prezzo di acquisizione per nodo e prezzo e prestazioni
globali di cluster di calcolo. Queste tendenze convinceranno i clienti ad adottare
l’HPC per sostituire o integrare esperimenti live, fisici con modelli,
test e analisi simulati a computer.

Leggi anche:  Advanced Healthcare Protection