Tris!


 Un grande produttore di tecnologia statunitense ha lanciato recentemente sul mercato un nuovo tipo di telefono cellulare, la cui caratteristica più particolare, e unica al momento, è quella di poter utilizzare contemporaneamente fino a tre SIM. Finora ci si era fermati a due.

In sintesi, attraverso l’uso di tre operatori diversi, o anche di profili diversi dello stesso operatore, seguendo quasi minuto per minuto le proposte di un mercato sempre più schizofrenico, si potrà utilizzare in modo contemporaneo un mix di servizi, senza doverlo fare con più dispositivi.

Del resto di mani ne abbiamo solo due, giusto? Qualcuno potrebbe anche obiettare che anche di orecchi ne abbiamo solo due e, direi per fortuna, disponiamo di una sola bocca, almeno per ora, ma questo è altro discorso. Comunque è anche giusto sottolineare che, a quanto pare, solo una delle tre potrà essere utilizzata per traffico dati, mentre le altre due potranno servire per la voce o per inviare messaggini, quindi l’uso potrebbe essere anche razionale.

Interessante ricordare che fu proprio questa società ad aprire le porte al mondo della telefonia mobile, perché fu proprio compiuta da loro – e quindi passata alla Storia – la prima telefonata da un cellulare quasi quarant’anni fa, esattamente il 3 aprile 1973. Interessante però anche rammentare che fu solo dopo dieci anni da questa data che decisero di produrne poi un modello – pensate – del costo di quasi quattromila dollari! Molti altri modelli vennero poi prodotti, tra cui alcuni che divennero dei miti anche da noi, all’avvento della telefonia mobile in Italia nei primi anni novanta.

Leggi anche:  Autostrade Tech diventa Movyon e guarda all’innovazione nella mobilità

Me ne rammento in particolare uno che costava allora un milione e quattrocento mila lire, paragonabile allo stipendio mensile medio di un operaio del tempo. Insomma è una società che è sul settore da tempo, quindi da seguire anche questa novità. Curioso che il lancio di questo dispositivo a tre sim avverrà per il momento solo nel mercato brasiliano …dimenticavo il prezzo dovrebbe essere di 140 euro..ne è passato di tempo dai 4000 dollari di trent’anni fa, vero? …meditiamo, Gente, meditiamo…:-)

 

Tratto dall’editoriale della newsletter di DMO. Per iscriverti alla Newsletter registrati al portale cliccando qui

Se sei già registrato ma non ricevi la Newsletter, effettua il login, entra nel tuo profilo e seleziona l’opzione relativa alle Newsletter