VASCO, Intel e InfoCert ottimizzano l’autenticazione degli utenti in Italia

VASCO Data Security International, Intel Corporation Italia e InfoCert hanno siglato un protocollo d’intesa, volto a una collaborazione che intende ottimizzare le soluzioni di autenticazione degli utenti italiani

Nello specifico le tre organizzazioni hanno messo le proprie competenze e specificitàa fattor comune per tutelare – tramite MYDIGIPASS.COM – in maniera più efficace gli utentinell’accesso al servizio di posta elettronica certificata Legalmail di InfoCert.

MYDIGIPASS.COM è lo strumento di autenticazione, gestito da VASCO, che fornisce agliutenti un accesso semplice e protetto alle loro applicazioni preferite, grazie a una singolapiattaforma sicura. L’accesso a Legalmail – il servizio cloud di posta elettronica certificata diInfoCert, con conferma di data e ora e la garanzia di ricezione dell’email da parte del destinatario -verrà ottimizzato per supportare MYDIGIPASS.COM, offrendo così agli utenti finali una scelta tradiverse modalità di autenticazione per il login.

MYDIGIPASS.COM supporta in modo nativo la tecnologia Intel Identity Protection(Intel IPT), integrata in tutti gli Ultrabook basati su processori Intel Core di seconda e terzagenerazione. Intel IPT offre un sistema semplice e a prova di “manipolazione”, per proteggere idati da frodi o minacce e può costituire un elemento chiave nelle cosiddette soluzioni di doppiaautenticazione, come Legalmail.

L’integrazione di MYDIGIPASS.COM comporta diversi vantaggi per InfoCert, i cui clientisono essenzialmente costituiti da aziende, imprese, associazioni, amministrazioni pubbliche eprofessionisti, che rappresentano a loro volta un totale di circa 900.000 caselle attive di Legalmail.Gli utenti finali non avranno più bisogno di assistenza per quanto riguarda l’attivazione di nuovecredenziali utente o modifiche delle proprie password con un incremento della comodità d’uso pergli utenti, che potranno scegliere tra diverse modalità di autenticazione. La soluzione prevede inaggiunta un ulteriore livello di sicurezza, grazie alla capacità di MYDIGIPASS.COM di generarepassword monouso – sempre diverse – che non possono essere intercettate e memorizzate per un usosuccessivo.

Leggi anche:  IBM lancia la quarta edizione della Call for Code

“VASCO, Intel e InfoCert uniscono le forze per proteggere la rete italiana di Internet conMYDIGIPASS.COM. Implementando MYDIGIPASS.COM, InfoCert si conferma trend setterglobale, costantemente alla ricerca di miglioramenti e di una maggiore sicurezza”, afferma JanValcke, Presidente e COO di VASCO Data Security. “InfoCert prevede di aggiungere nel 2013almeno 100.000 utenti – oltre il 10% dell’attuale base clienti – alla comunità MYDIGIPASS.COM “.

“I test sulla soluzione MYDIGIPASS.COM condotti su diversi Ultrabook basati sutecnologia Intel – commenta Alberto Fabiani, Software & Corporate Resellers Regional BusinessManager Intel Italia e Svizzera –, hanno mostrato diversi progressi sia in termini di sicurezza, chenella semplicità lato esperienza utente. Questi risultati acquistano un’importanza ancora maggiore,se si considera che solo l’anno passato quasi un’azienda su quattro (il 22%)* ha subito unaviolazione di sicurezza, e il 21% delle stesse ha dovuto affrontare problemi legati alla sicurezzastessa dei dispositivi mobili. Inoltre, un altro aspetto da non sottovalutare è il comportamentoabituale degli utenti online, che tendono a ‘riciclare’ le password, anche durante il trasferimento didati sensibili”.

“Questo accordo testimonia l’attenzione di InfoCert al continuo potenziamento dellecomponenti di security e alla customer experience che contraddistingue i prodotti della famigliaLegalmail – dichiara Danilo Cattaneo, Direttore Generale di InfoCert. È un atteggiamento che ci hasempre contraddistinti e che il mercato ha premiato, come dimostrano l’ampiezza e la costantecrescita della nostra clientela. Collaborare con partner di prestigio, quali Vasco e Intel, è unagaranzia di successo per sostenere i nostri intenti in tal senso e raggiungere i nostri obiettivi”.