Open Text guarda al futuro dell’Ecm


La società canadese presenta ECM Suite 2010, nasce una nuova era di integrazione

L’informazione è potere. Questo assioma, ben noto anche nel passato, rafforza oggi la propria attualità. L’espandersi in modo impressionante del numero di notizie, dati, immagini e video, disponibili sul Web in forme non strutturate, fa crescere la preoccupazione aziendale per il loro controllo.

Da sempre attore primario nell’ambito dell’Enterprise content management (Ecm), Open Text (www.opentext.com) rappresenta oggi uno dei più importanti fornitori di software per gestire e ottenere valore reale dai documenti di business delle grandi organizzazioni.

Lavorando con numerosi partner e affiancandosi ai clienti con la competenza di content expert, Open Text offre soluzioni per catturare e conservare la memoria aziendale, incrementare la brand equity, automatizzare i processi, ridurre i rischi e gestire la compliance anche in ambiente Web.

Durante il tour Europeo, programmato per incontrare clienti e partner, la tappa di Roma è stata il momento più adatto per intervistare James Latham, chief marketing officer di Open Text, e avere accesso alla vision dell’azienda per quanto riguarda l’Ecm, con particolare riferimento alle nuove soluzioni rivolte al Web content management (Wcm), alla gestione dei social media e dei social network in azienda, ma anche a quelle relative alla mobilità e alla collaboration.

UN ICEBERG DI INFORMAZIONI WEB

«Prendendo in considerazione il sito di una grande organizzazione – sostiene Latham – solo il 2% delle informazioni viene espressamente pubblicato e rappresenta la testa emersa dell’iceberg. Della parte rimanente, il 74% è disponibile internamente, ma non raggiungibile dal pubblico, e il 24% rappresenta invece la parte più riservata e confidenziale, nella zona più profonda e alla base della piramide. La grande maggioranza di queste informazioni non risponde ai criteri di strutture facilmente identificabili e richiede quindi soluzioni e strumenti di Wcm, adatti per la loro gestione».

Leggi anche:  LinkedIn: i risultati del Barometro del primo impiego 2021 Italia

Con le soluzioni recentemente annunciate da Open Text, per ottimizzare l‘integrazione della Web experience nella propria ECM Suite, il fornitore canadese si è posizionato quale leader nel Magic Quadrant 2010 (www.opentext.com/2/global/gartner2010magicquadrant.html) di Gartner, che prende in esame le aziende sulla base della loro capacità di execution e completezza di vision, relativo al segmento del Web content management.

In un mercato che si presenta dinamico e in continua crescita, la componente del Wcm ha raggiunto un fatturato complessivo pari a 890 milioni di dollari nel 2009, nonostante la recessione che ha coinvolto le principali economie mondiali, e Gartner prevede che supererà probabilmente il miliardo di dollari nel 2010, con tassi di incremento annuale pari al 14% fino al 2014. Queste cifre riflettono la crescente importanza che le aziende attribuiscono al canale Internet, se consideriamo che le soluzioni di Web content management occupano già oggi il 26% circa del mercato complessivo riferibile all’Enterprise content management.

«Riteniamo che la nostra presenza quale leader nel quadrante di Gartner – prosegue Latham – confermi la validità della nostra strategia, il continuo investimento in questo settore e il successo registrato nel migliorare la customer Web experience dei nostri clienti, mentre stiamo continuando a innovare e a implementare la nostra roadmap in ambito Wcm».

ACQUISIZIONI, ALLEANZE E NUOVE SOLUZIONI

Basta pensare al nuovo paradigma Enterprise 2.0 e all’enorme massa di informazioni Web elaborate da banche e assicurazioni, da istituzioni pubbliche, da aziende che gestiscono energia, trasporti e sanità, ma anche da tutto il mercato che ruota attorno a produzione, commercio e distribuzione, per comprendere come la gestione dei contenuti rappresenti una grande opportunità di sviluppo, dove Open Text ha già ottenuto risultati positivi anche negli attuali tempi di stagnazione economica.

Leggi anche:  IBM acquisisce 7Summits

«Dal punto di vista geografico – spiega Latham -, abbiamo rafforzato molto la nostra presenza in Europa sia nelle regioni del nord sia in Italia, Spagna, Francia, Germania, ma anche in Svizzera, rendendo ancora più rilevante la nostra penetrazione in tutti i comparti di mercato. Inoltre, grazie all’ampliamento della relazione strategica con SAP, ora nella loro soluzione di Customer relationship management viene inclusa la nostra applicazione di Digital Asset Management, come pure alcune delle nostre funzionalità relative al Marketing resource management e all’Intellectual property management. Infine, dopo la recente acquisizione di Vignette, abbiamo integrato nuove tecnologie nelle nostre soluzioni, per consolidare la posizione di leadership in tutti i settori del mercato Ecm, primo fra tutti quello del Wcm».

In linea con questi obiettivi si colloca il recente annuncio di Open Text ECM Suite 2010, proposto come il sistema di gestione dei contenuti più completo e innovativo disponibile oggi sul mercato, che offre ai clienti la possibilità di supportare molteplici tipologie di contenuti, linguaggi, applicazioni, esigenze degli utenti e processi di business. L’unicità dell’applicazione consiste nella capacità di combinare diverse tecnologie che coprono tutti gli ambiti dell’Ecm, aggiungendo una serie di nuove funzionalità che riguardano l’archiviazione delle informazioni aziendali, la compliance, la gestione dei portali, il media management, la navigazione semantica, la collaboration, il supporto mobile integrato e il social networking.

WEB COLLABORATION AL SUMMIT G-20

Per la prima volta nella storia, durante l’edizione del Summit G-20 tenutasi nello scorso giugno a Toronto, anche i ministri delle Finanze e Governatori delle banche centrali dei maggiori Paesi industrializzati ed emergenti, riuniti per discutere dei temi chiave dell’economia globale, hanno potuto collaborare grazie all’utilizzo di un’avanzata piattaforma di social networking (www.g20net.org). Per raggiungere questo obiettivo, in collaborazione con il Canadian Digital Media Network e il Canadian Department of Foreign Affairs and International Trade, Open Text ha creato una piattaforma basata sulla propria ECM Suite, con elevati margini di sicurezza e riservatezza, per potenziare la condivisione dei contenuti tra i vari leader di Stato.

Leggi anche:  Perché Microsoft vuole comprare Discord

Oltre a un accesso sicuro al Web, in qualsiasi momento e da ogni parte del mondo, i delegati sono stati anche in grado di utilizzare le differenti applicazioni, supportate in molteplici lingue, tramite i propri dispositivi mobili, quali BlackBerry, iPhones e iPad, ottenendo così la possibilità di interagire in modo più produttivo ed efficace.

«Questo innovativo social workplace – ha sottolineato Latham – è un importante esempio di come sia possibile utilizzare in modo vantaggioso gli strumenti di Enterprise content managemet, uniti ad ambienti di collaboration e di social networking, anche nel mondo business. La piattaforma realizzata per il G-20 posiziona Open Text quale leader in questo settore e potrà essere riproposta anche in altre occasioni, per aiutare a colmare lacune geografiche e culturali, fornendo valore aggiunto in eventi di portata mondiale, come quello che si è svolto nel Giugno scorso».

Diplomatici e rappresentanti ufficiali presenti al G-20, che hanno utilizzato la piattaforma per collaborare nei mesi che hanno preceduto il summit, hanno dichiarato che l’esperienza di Web browser ha consentito di condividere in tempo reale diverse problematiche, molteplici opinioni e differenti prospettive attraverso una rete sicura. La collaborazione, proseguita anche dopo la chiusura dei lavori, riprenderà tramite lo stesso social network anche durante il prossimo summit, che si terrà a Seul in Corea a Novembre.