Fortinet: Device a rischio security


Security Survey: in 15 Paesi, il 74% dei dipendenti utilizza
in azienda dispositivi personali. In Italia la percentuale sale all’87%. Esposizione al malware e perdita di produttività sono i rischi maggiori

Il nuovo trend rappresentato dagli utenti BYOD e la loro scarsa attenzione alle problematiche sulla sicurezza, mette le aziende in condizione di dover affrontare nuove sfide nella gestione dei sistemi IT.

A darne conferma è l’IT Security Survey targata Fortinet (www.fortinet.it): «Il fenomeno degli utenti BYOD (Bring Your Own Device), coloro cioè che usano i propri dispositivi mobili sul luogo di lavoro, è in costante crescita e rappresenta un vero trend». Così si è espresso Joe Sarno, regional sales vice president di Fortinet, presentando i dati della ricerca mondiale condotta in 15 Paesi, fra cui il nostro, e che ha avuto come focus oltre tremila e 800 dipendenti della Gen-Y, ovvero 20-29enni, laureati e utilizzatori in azienda di dispositivi personali quali smartphone, tablet o laptop.

Si tratta di un comportamento diffuso, attuato dal 74% del campione (87% per l’Italia, «che rappresenta il valore più alto in assoluto» – ha fatto notare Sarno), percepito addirittura come un “diritto” dal 55% dei rispondenti (mentre per il 60% del campione italiano si tratta di un “privilegio”) e giustificato in particolare dall’esigenza di essere sempre in contatto col proprio mondo (32%) e di essere più efficienti nel lavoro (26% e 36% per gli utenti italiani). E che causerebbe più di un problema nel caso fosse impedito per oltre un giorno. «Curiosamente, si evince – ha detto Sarno – una forte dipendenza dalla comunicazione vocale fra gli utenti di questa generazione», che non potrebbero fare a meno di chiamate vocali (48%, 61% per i nostri concittadini), SMS (47% e 56%) ed e-mail (46% e 49%), ancor più che del social networking e delle chat, «probabilmente in relazione, all’età del target in esame».

Leggi anche:  OpenSea colpita dal phishing, sottratti 1,7 milioni di dollari

Il target si dichiara conscio dei possibili rischi per la propria organizzazione connessi all’uso degli strumenti citati, legati in maggior misura alla perdita di produttività (46%, 37% in Italia) e all’esposizione al malware (42% e 49%) – eppure – una preoccupante quota di un utente su tre (cioè 36% nel mondo, 33% a livello italiano), afferma che non rispetterebbe policy aziendali che impedissero l’uso dei device personali sul luogo di lavoro.

«Mentre si assiste allo sviluppo di una nuova tendenza, rappresentata dal BYOD – ha sottolineato Sarno – la creazione e l’uso di applicazioni personalizzate al lavoro, interessano il 69% del campione mondiale e ben l’84% di quello nazionale. Il 33% del campione non desidera che venga negato l’accesso alle applicazioni personali nel contesto lavorativo e si ritiene in larga misura (66% e 78% in Italia) unico responsabile della sicurezza dei personal device in tale ambito. «Questo fatto rappresenta una contraddizione rispetto ai rischi per le organizzazioni visti in precedenza – è stato il commento di Sarno – e rende necessaria una maggior informazione su queste tematiche e sul ruolo degli IT manager aziendali».

All’interno di questo scenario, ecco delinearsi la “ricetta” della stessa Fortinet, forte delle sue proposte (imminente «un’area di soluzioni tutte dedicate al BYOD» – segnala Sarno), per far sì che le organizzazioni possano al contempo “dire di sì” a questo trend e controllare le loro infrastrutture IT. Una strategia che mira a salvaguardare gli accessi in ingresso e uscita alla rete aziendale e che pone sotto controllo contemporaneamente tre ambiti: applicazioni, utenti e dati.